La signora della musica italiana abbraccia la Sicilia

La signora della musica italiana abbraccia la Sicilia

Di Valeria C. Giuffrida

fiorella mannoia - ph. valeria c. giuffrida (5)La signora della musica italiana, Fiorella Mannoia, si appresta ad arrivare in Sicilia per

il suo tour che la vedrà toccare tre città siciliane.

Possiamo, però, tranquillamente asserire, senza paura di smentita che la nostra bella

isola, la Mannoia, originaria di Palermo, non l’ha mai lasciata.

Ospite di spicco del concerto evento del 18 maggio scorso in quel di Taormina, ad

opera di Laura Pausini, si appresta a tornare nella Perla dello Jonio ospite della

sua giovane collega Emma, che sarà in concerto il 26 luglio prossimo, proprio nel

fiorella mannoia - ph. valeria c. giuffrida (2)prestigioso Teatro Antico.

Nel frattempo Fiorella continua il suo tour che continua a registrare dei sold out, che

la porterà in Sicilia a fine agosto e per l’esattezza il 29 a Taormina al Teatro Antico, il

30 a Palermo al Teatro di Verdura e il 31 a Gela (CL) al Parco Archeologico.

Mesi movimentati per la Mannoia, dopo il successo del suo ultimo lavoro di inediti

“Sud” ed il successo dell’omaggio a Lucio Dalla “A te”, Fiorella è tornata in studio per

registrare un suo greatest hits che raccoglierà, ovviamente con nuovi arrangiamenti,

tutti i suoi hit, ma dalle piccole indiscrezioni giunte pensiamo che non sarà una semplice raccolta.

Grandi consensi live anche all’estero. Fiorella si è recata in Brasile insieme ai ragazzi

del progetto Axe, per una serie di concerti di grande successo.

Riscopertasi autrice nel suo penultimo lavoro “Sud” ha scritto una bellissima canzone

per Debora Iurato, vincitrice di Amici 2014, “Anche se fuori inverno”.

Insomma a tirare le somme abbiamo l’idea che la Signora Mannoia sia dell’idea che

chi si ferma è perduto ed infatti difficile fermala. In attesa delle tre date siciliane e del

nuovo lavoro, continueremo a seguire le sue collaborazioni con diversi artisti come

Elisa, Moreno ed altri, a dimostrazione, ancora una volta che la classe non è acqua e

che un vero artista è generoso con colleghi e pubblico.

Lascia un commento


Translate »