Bronte (CT). Chiama il 112, poi tenta il suicidio. I  Carabinieri lo salvano

Bronte (CT). Chiama il 112, poi tenta il suicidio. I Carabinieri lo salvano

 

“Sto per togliermi la vita”. Si apre così la telefonata fatta al 112 del Comando Provinciale di Catania da un 63enne di Bronte, alle 5:50 di questa mattina, senza aggiungere null’altro. Sono state la tempestività e l’intuito dei Carabinieri a salvargli la vita: nel giro di pochissimi minuti, i Carabinieri della Centrale Operativa hanno identificato il chiamante e una gazzella del Radiomobile della Compagnia di Randazzo (CT) si è letteralmente precipitata sul posto, una falegnameria, ove i militari hanno rinvenuto, in parte dissanguato, l’aspirante suicida. Alla base del gesto problemi di natura familiare.

L’uomo ha tentato di togliersi la vita con una pistola spara-chiodi, conficcandosi in

pieno petto ben 7 chiodi, fortunatamente di media lunghezza, senza però riuscire

nell’intento grazie all’intervento dei militari che lo hanno tratto in salvo, senza che

potesse perseverare nell’intento suicida. Trasportato al locale Pronto Soccorso, non è in

pericolo di vita.

Lascia un commento


Translate »