Ragazzo Catanese con falsi Nikname su Facebook chiedeva riscatto per foto personali

Ragazzo Catanese con falsi Nikname su Facebook chiedeva riscatto per foto personali

La Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania ha arrestato, in flagranza di reato, un ragazzo di anni 20, incensurato, per estorsione ai danni di una giovane catanese.

Nei giorni precedenti, il ragazzo era entrato in possesso dello smartphone che la donna aveva smarrito e nella cui memoria erano conservate foto e video di carattere privato. Lo stesso, tramite il noto social network Facebook, utilizzando dati falsi, era riuscito a prendere contatti con la vittima alla quale aveva proposto la restituzione del telefono in cambio di 200 euro avanzando, altresì, proposte di natura sessuale.

La vittima, che aveva già denunciato lo smarrimento dello smartphone alla Polizia Postale, ha presentato un’ulteriore denuncia rappresentando il tentativo di estorsione che stava subendo dall’uomo.

L’indagine, immediatamente avviata dagli investigatori, ha consentito di rintracciare il profilo Facebook utilizzato; quando la giovane ha accettato di incontrare l’estortore per effettuare lo scambio,
[sociallocker] presso la Villa Bellini di Catania, i poliziotti che erano appostati nei pressi del luogo concordato, hanno assistito alla scena dello scambio e sono intervenuti arrestando il giovane che  non ha opposto resistenza ed ha ammesso le sue responsabilità.

Il malvivente è stato, altresì, denunciato per ricettazione.

Il magistrato di turno della locale Procura Distrettuale ha convalidato la detenzione domiciliare.

[/sociallocker]

Lascia un commento


Translate »