L`assetto Predator decollera` da Sigonella sede del 41′ Stormo Antisom

L`assetto Predator decollera` da Sigonella sede del 41′ Stormo Antisom

Nella sede del 32° Stormo: 5 mesi di stop all’attività di volo L’attività di volo dei Predator proseguirà presso il 41° Stormo di Sigonella

1Le attività operative ed addestrative del 28° Gruppo Volo, dotato degli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR) MQ-1C “Predator A+” e MQ-9A “Predator B”, proseguiranno nella sede del 41° Stormo.
A Sigonella, infatti, sono stati rischierati i sistemi APR insieme ad un’aliquota di personale operativo (Piloti, Sensor Operator e Supervisori Missione) e tecnico del 28° Gruppo Volo.

 

I lavori infrastrutturali relativi alla pista di volo del 32° Stormo, che proseguiranno fino al 30 settembre 2015, saranno eseguiti a cura del 3° Reparto Genio A.M. – 16° Gruppo Genio campale di Bari Palese e prevedono il rifacimento del manto superficiale della pista in asfalto, la realizzazione con allungamento delle testate in calcestruzzo, la realizzazione della segnaletica orizzontale e verticale e dell’intero impianto voli notte, necessario per classificare la pista per avvicinamento di precisione, categoria 1 (Precision ApproachRunway, Cat 1) a norma ICAO e secondo le direttive NATO in vigore. I lavori constano anche della bonifica e del livellamento delle aree in prossimità della pista e la realizzazione di un innovativo impianto di illuminazione aeroportuale (Aiuti Visivi Luminosi) completamente a LED per i voli notturni, telecontrollato mediante un computer posto in torre di controllo, che, oltre a comportare un notevole risparmio energetico, permette un’ingente riduzione dei costi di manutenzione (la vita utile delle lampade a LED è maggiore rispetto a quelle tradizionali ad incandescenza). Tali interventi faranno dell’aeroporto di Amendola il primo aeroporto militare in Italia, e tra i primi in Europa, dotato di superfici di volo illuminate completamente con tecnologia LED.

Lascia un commento


Translate »