Ieri a Venezia altro pienone di film e divi, italiani e non

Ieri a Venezia altro pienone di film e divi, italiani e non

20150906_203710Dopo “L’attesa” di Piero Messina (ex aiuto regista di Sorrentino), presentato domenica in concorso (girato a Caltagirone) ieri è stata la volta di “A bigger splash”, l’atteso film Luca Guadagnino, secondo italiano in concorso, e di “Pecore in erba” di Alberto Caviglia, presente nella sezione Orizzonti. Quest’ultimo, opera prima con un cast d’eccezione (fra gli altri Omero Antonutti, Francesco Pannofino, Vinicio Marchioni, Carolina Crescentini, ed inoltre Vittorio Sgarbi), è di indiscusso interesse cinematografico, in quanto racconta l’antisemitismo nella forma, ancora poco usata, del mockumentary, (finto documentario), con un sarcasmo che non risparmia nessuno, neppure la Roma dei quartieri trasteverini in cui è ambientato. Trattandosi di un film “forte”, si può solo amarlo oppure odiarlo.

20150906_203031-1“A bigger splash”, è l’ultimo lavoro di Guadagnino, girato interamente a Pantelleria con un cast che va da Tilda Swinton, attrice musa del regista, a Ralph Fiennes (la cui istrionica performance recitativa già da sola vale la visione) a Matthias Schoenaert (il bellissimo che abbiamo visto lo scorso anno in “Suite francese” e “Le regole del caos”). Il film, remake de “la Piscina” di Deray (1969), contrappone la distaccata cifra stilistica del regista all’estrinsecarsi delle relazioni fra i protagonisti, costruite per inserirsi nelle pacate, seppur colorite, atmosfere isolane. Anche ieri attese sotto il sole per il red carpet.

La serata si è conclusa con il Gala’ per la consegna dei premi Kineo-Anec, le cui candidature erano state presentate al Taormina Film Festival lo scorso giugno e votate sia dal pubblico che dai giornalisti. Fra i premiati Matteo Garrone, Alba Rohrwacher, Rupert Everett, Natassia Kinsky, Monica Guerritore, Gabriele Salvatores, Elio Germano e altri ancora.

Mariella Piccione

Lascia un commento


Translate »