I Poliziotti del Coisp pronti ad incatenarsi, senza mangiare e bere sino al ricovero in ospedale

I Poliziotti del Coisp pronti ad incatenarsi, senza mangiare e bere sino al ricovero in ospedale

I Poliziotti lasciati soli senza la presenza di – almeno – uno dei Ruoli apicali della locale Questura e adesso temono di essere puniti: queste le voci fondate e informali pervenute!!!
Se la Questura dovesse permettersi di aprire un procedimento disciplinare nei riguardi del personale impiegato di servizio nella giornata interessata alle riprese sconvolgenti realizzate dai giornalisti di “La 7”, che – furbescamente e indisturbati non per colpa dei colleghi – si sono introdotti all’ interno del Cara grazie al facile acceso legato alle recinzioni bucate, i Poliziotti del Coisp s’incateneranno avanti il Cara, Questura, Prefettura e rimarranno senza mangiare e bere sino ad un eventuale ricovero in ospedale: quanto emerso dalle videoriprese è niente rispetto a ciò che realmente accade all’ interno e all’ esterno di detto Centro.
Il Sindacato Coisp, in più circostanze, ha riferito anche pubblicamente a chi di dovere e adesso la colpa è dei poliziotti?.…ma neanche per sogno, anche noi siamo vittime di tale inefficiente gestione!!!
Il Coisp, ancora una volta, chiede apertamente che il Questore di Catania Marcello Cardona e/o in alternativa il suo Vice, Primo Dirigente dott. Claudio Sanfilippo, – persone altamente qualificate – si rechino quotidianamente presso il Centro poiché i colleghi si sentono abbandonati ed esposti a continui rischi professionali e non.
Del resto, dette qualificate e altamente professionali Autorità – Questore e Vicario -, ad avviso dell’ Organizzazione scrivente come possono ben gestire il Cara dai Loro Uffici ubicati in via Manzoni? È vero anche che hanno moltissimi impegni istituzionali, ma il Cara, ad avviso di chi scrive, deve avere priorità su tutto!!!

Lascia un commento


Translate »