Galà pro Telethon, una serata all’insegna della solidarietà per dare una risposta alla ricerca

Galà pro Telethon, una serata all’insegna della solidarietà per dare una risposta alla ricerca

Di Monica Colaianni – Una serata all’insegna della solidarietà quella di venerdì scorso al Metropolitan di Catania, per il Galà pro Telethon, organizzato da Telethon Catania, coordinamento provinciale della Fondazione Telethon, presieduto dal dott. Maurizio Gibilaro, e dalla Fondazione Orazio Zaccà.

La serata, presentata da Salvo La Rosa, con la direzione artistica del maestro Giovanni Cultrera, ha avuto diversi momenti di musica e spettacolo. Sul palcoscenico del Teatro Metropolitan si sono esibite le cantanti Sabrina Messina e Valentina Niciforo, inoltre sono stati eseguiti una serie di brani scelti tra le colonne sonore dei film da Oscar, eseguite dall’orchestra Chroma Ensemble.

Durante la serata è stato consegnato il 3° Memorial Orazio Zaccà organizzato dal Tiro a Segno Nazionale sezione di Catania in collaborazione con l’ENDAS di Catania e il “Premio costanza e dedizione”, istituito dalla Fondazione Orazio Zaccà. Il premio, quest’anno, è stato consegnato a Roberto Santorsa, direttore del Servizio affari generali di sanità della Polizia di Stato, per aver promosso ed ideatore il “Progetto codice blu”: le volanti della Polizia di Stato sono state, infatti, dotate di defibrillatori; per il Progetto immigrazione. Altro premiato il regista Pietro Messina di Caltagirone, per il suo lungometraggio “L’attesa”, presentato al Festival di Venezia.

Alla serata sono intervenuti: il presidente nazionale dell’ENDAS, Piero Benedetti, il direttore centrale della raccolta fondi di Telethon, Alessandro Betti. L’evento è stato patrocinato dalla Marina Militare, dalle Capitanerie di Porto, dal 41° Stormo dell’Aeronautica Militare, Unuci (Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia), dall’Associazione Siciliana della Stampa sezione di Catania, dalla Croce Rossa Italiana sezione di Catania e dalla Protezione Civile della Regione Siciliana.

Un’iniziativa, questa, alla quale è intervenuto un folto numero di persone che hanno riempito il Teatro Metropolitan e che anche nel loro “piccolo” con le loro donazioni hanno contribuito a fare andare avanti la ricerca. Per chi volesse avere maggiori informazioni può collegarsi al sito di Telethon http://www.telethon.it/ o anche su Telethon Catania http://www.telethoncatania.it/, diamo una mano alla ricerca.

“Telethon Catania è il coordinamento provinciale della Fondazione Telethon, presieduto dal dott. Maurizio Gibilaro. Telethon è una delle principali charity italiane, nata nel 1990 con l’obiettivo di finanziare la ricerca per la cura delle malattie genetiche rare.
Fondamentale per sostenere l’attività è il contributo della società civile: volontari sul territorio, aziende partner e donatori che ogni giorno aiutano Telethon e la ricerca a progredire verso la cura. Ad oggi si conoscono diverse migliaia di malattie genetiche, per un 70% pediatriche; per la maggior parte di queste non esiste una terapia risolutiva.

La rarità di queste patologie fa sì che esse siano trascurate dai principali investimenti pubblici e privati. Telethon esisteproprio per far sì che nessuno sia escluso dalla concreta speranza di una curaPer questo Telethon applica un rigoroso sistema di valorizzazione del merito per investire nella ricerca d’eccellenza le donazioni che gli Italiani continuano ad affidare alla sua gestione che, negli anni, ha dato prova di efficienza, efficacia e trasparenza. Grazie alla ricerca finanziata, per molti bambini nel mondo esiste, finalmente, la reale possibilità di un futuro libero dalla malattia. La sfida è, tuttavia, ancora urgente perché le malattie da combattere sono tante e molte famiglie aspettano una risposta dalla ricerca”.

Lascia un commento


Translate »