Catania: SEQUESTRO FUOCHI ARTIFICIALI

Catania: SEQUESTRO FUOCHI ARTIFICIALI

Nel corso dei servizi predisposti dal Questore finalizzati ad infrenare il fenomeno del mercato e vendita abusiva di pericolosi fuochi artificiali che vengono accesi in occasione delle festività di fine anno, personale della Squadra Amministrativa il 31 dicembre 2015, alle ore 20,30 circa, effettuava un controllo all’interno della fiera di Catania.

Nella circostanza un ambulante veniva sorpreso a vendere fuochi artificiali del tipo pericoloso per l’incolumità pubblica.

Il materiale esplodente, costituito da fuochi artificiali appartenente alla V cat. e manufatti artigianali non classificati, veniva sottoposto a sequestro penale dal personale operante, il quale provvedeva altresì a deferire all’A.G. il venditore ambulante per i reati di cui all’ art. 47-53 TULPS in relazione all’art. 678 C.P.

                             

SEQUESTRO FUOCHI ARTIFICIALI E ARRESTO PER EVASIONE DAGLI ARRESTI DOMICILIARI

Sempre nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione del predetto fenomeno, equipaggio delle “volanti” dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, alle ore 16.45 di ieri, in piazza Bovio notava sul manto stradale una scatola, incustodita, con all’interno del materiale pirotecnico non di libera vendita, ovvero di IV° e V° categoria e manufatti pirotecnici di tipo illegale (“cipolla”, Mississipi, Re leone, Sinfonia, Champagne, Candela Romana, Cucko, Cono Awai, Cherry, Zeus special, Razzetti fischio e colpo, Saturn missile, Vulcano font), per un totale complessivo di nr.404 pezzi.

botti firrandello

Il materiale pirotecnico veniva sequestrato a carico di ignoti e successivamente distrutto.

Altresì, medesimo personale, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, alle ore 11,50 di ieri, ha tratto in arresto per evasione dagli arresti domiciliari CITTADINO Maurizio Silvestro (classe 1978). Questi veniva notato da una pattuglia in transito in via Raimondo Franchetti mentre si trovava alla guida di ciclomotore privo di targa, e con a bordo altro individuo.

CITTADINO S .Alla vista degli agenti il CITTADINO tentava di nascondere il  volto, volgendo il viso verso altra direzione e accelerava la marcia per sottrarsi al controllo, ma veniva immediatamente raggiunto e bloccato.

A seguito della perquisizione personale il CITTADINO veniva trovato in possesso di arnesi atti allo scasso e si appurava che lo stesso, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, era in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, con permesso di assentarsi per svolgere attività lavorativa presso un esercizio commerciale di questo centro ove avrebbe dovuto trovarsi proprio all’ora del controllo, inoltre anche il passeggero annoverava numerosi pregiudizi penali per reati contro il patrimonio.

Alla luce di quanto sopra il CITTADINO veniva tratto in arresto per evasione dagli arresti domiciliari, nonchè denunciato in stato di libertà per il possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso, e, su disposizione dell’A.G., veniva sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza del giudizio per direttissima fissato per la mattina di domani.

Nulla emergeva invece a carico del passeggero del ciclomotore che veniva rilasciato.

Lascia un commento


Translate »