L’Associazione Alfredo Agosta incontra gli studenti dell’Archimede per parlare di “Adolescenza negata e criminalità organizzata”

L’Associazione Alfredo Agosta incontra gli studenti dell’Archimede per parlare di “Adolescenza negata e criminalità organizzata”

L’associazione nazionale Antimafia Alfredo Agosta ha incontrato gli studenti dell’Istituto Tecnico Industriale Archimede di Catania. Insieme agli esponenti dell’associazione c’era anche il Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catania Alessandra Tasciotti. “Adolescenza negata e criminalità organizzata” questi i temi al centro del dibattito introdotto dalla Dirigente Scolastica Daniela Vetri.

«La cultura libera, bisogna sviluppare una coscienza critica che sia in grado di coinvolgere tutti in una ribellione – ha esordito la Tasciotti – penso all’esempio di Giuseppe Fava, giornalista ucciso dalla mafia, che denunciò la malavita in un momento in cui nessuno aveva il coraggio di farlo, ma pagò con la vita. Oggi non è più come un tempo ma bisogna ricordare di pensare sempre con la propria testa».

Commuovente la testimonianza di Giuseppe, figlio della vittima di mafia Alfredo Agosta, anche la sua è stata una adolescenza negata da quella criminalità organizzata che a soli sette anni gli ha ucciso un padre “colpevole” di stare facendo bene il suo lavoro.

Lascia un commento


Translate »