Il contrasto spirituale tra anima e corpo vibra al battito delle “Pulsazioni di Gong”

Il contrasto spirituale tra anima e corpo vibra al battito delle “Pulsazioni di Gong”

Non è stato un semplice concerto, ma un vero viaggio armonico tra i tortuosi sentieri dello spirito, l’esibizione del Maestro di Gong Alfio Sciacca, ideatore e regista della performance “Pulsazioni di Gong” promossa dall’Accademia dell’Armonia nell’ambito della rassegna del Comune di Catania “Estate in città” con il sostegno di “Planeta Grandi Vivai Sciacca”, e del percussionista Giovanni Caruso, docente al Conservatorio Bellini di Catania.

L’imponente cornice della corte del Castello Ursino è stata attraversata da vibrazioni coinvolgenti e diverse in ogni istante dello spettacolo capaci di creare nell’affollata e partecipe platea un crescendo di emozioni contrastanti utili per riportare alla luce anche i sentimenti più sopiti e nascosti della propria anima. I suoni prima leggeri e poi sempre più impetuosi delle percussioni sono stati i protagonisti della prima parte della performance artistica in modo da aiutare il corpo e l’anima a liberarsi dalle aggressioni quotidiane fin ad ottenere, nella fase conclusiva della serata, l’accettazione di se stessi cullati dalla musica delle sfere celesti emessa dalla campana tibetana e dall’armonia del Gong.

Una carezza psichica positiva e quasi mistica la scia sonora che ha sfiorato la notte di luglio catanese abbandonata al battito del cuore che vibrava al ritmo sincronico del respiro umano diffuso dalle “Pulsazioni di Gong”, chiave di volta per una rigenerazione mentale e fisica.

Lascia un commento


Translate »

Powered by WordPress Popup