Continuano le Attivita` di controllo per il dispositivo “Mare Sicuro” Qui ” Video”

Continuano le Attivita` di controllo per il dispositivo “Mare Sicuro” Qui ” Video”

Sono continuate anche dopo la giornata del Ferragosto, le attività di vigilanza e pattugliamento dei velivoli del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro”, disposta a livello nazionale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto. Nella giornata di ieri, in particolare, in due distinte missioni, i velivoli della Guardia Costiera in dotazione al 2º Nucleo Aereo di Catania hanno dapprima intercettato – all’interno della zona “Alfa” (zona di massima protezione) dell’area marina protetta “Costa degli Infreschi e della Masseta” – due unità da diporto ancorate. L’equipaggio dell’aereo Piaggio “P180GC” ha immediatamente contattato l’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro e l’Ufficio Locale Marittimo di Marina di Camerota, intervenuti prontamente sul posto con un Battello veloce. I responsabili sono stati identificati e sanzionati. L’equipaggio dell’ATR42 della Guardia Costiera, invece, ha intercettato all’interno della zona “Alfa” dell’Area Marina Protetta “Isola Capo Rizzuto”, due unità da diporto. Una di questa in navigazione, l’altra intenta in attività di pesca sportiva. Anche in quest’ultimo caso l’equipaggio dell’ATR42 ha mantenuto il contatto visivo con le due unità, fino all’arrivo in zona di un battello veloce della Capitaneria di Porto di Crotone, nel frattempo informata. I responsabili sono stati raggiunti, identificati e deferiti all’Autorita’ giudiziaria ai sensi della Legge 394/91. Le operazioni in questione, sono state rese possibili grazie al tempestivo intervento degli equipaggi delle Unità Navali. La tutela dell’ambiente marino e la protezione del litorale, costituisce uno dei principali compiti d’istituto delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera che, per tali materie, opera su precise direttive del Ministero dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare, dove è operativo il “Reparto Ambientale Marino” del Corpo. Le attività di vigilanza e monitoraggio continueranno anche nei prossimi giorni.-

Lascia un commento


Translate »