Controlli agli esercizi commerciali per la prevenzione e repressione dei reati ambientali e tutela della salute pubblica

Controlli agli esercizi commerciali per la prevenzione e repressione dei reati ambientali e tutela della salute pubblica

Nella giornata di ieri, nell’ambito dei servizi straordinari del controllo del territorio disposti dal Questore Marcello Cardona, mirati alla prevenzione e repressione dei reati in maniera ambientale e tutela della salute pubblica, personale dipendente del Commissariato Borgo Ognina ha controllato numerose attività commerciali .

Particolare rilievo, assume il controllo effettuato presso il panificio denominato “ LA Michetta”, ubicato in questa via Vitaliano Brancati dove il titolare è stato indagato in stato di libertà ai sensi dell’art. 5 lettera d e b della Legge 283/62 per la significativa carenza di condizioni igieniche nella conservazione degli alimenti nonché per la presenza di animali infestanti (blatta germanica) all’interno del laboratorio. Altresì, alla titolare è stato contestato il reato di frode in commercio ai sensi del 515 c.p. per la vendita di prodotto congelato per prodotto fresco (cornetti, impasto per biscotti, sfoglie). Alla luce dei citati reati, l’attività commerciale in argomento è stata bloccata, quindi chiusa, ai sensi dell’art. 8 della Legge 507/99, sino al ripristino dei requisiti igienico sanitari necessari.

Ulteriori contestazioni di natura amministrativa verranno elevate per ciò che riguarda la mancata comunicazione agli organi preposti delle variazioni delle attività svolte e ciò in quanto, oltre all’attività di panificio, venivano effettuate illecitamente attività di salumeria, gastronomia e gelateria.

borgo ognina 2Detto panificio, inoltre, il cui titolare è stato anche indagato per furto di energia elettrica, era mancante delle autorizzazioni previste per l’esercizio dell’attività di somministrazione alimenti ed occupava abusivamente il suolo pubblico – circa 40 metri – ragione per la quale sono state sequestrate numerose sedie e tavoli.

Inoltre, è stato denunciato in stato di libertà il titolare di una carrozzeria ubicata in via Passo di Aci, poiché non possedeva l’autorizzazione per l’immissione dei fumi nocivi nell’atmosfera e per tale motivo si procedeva al sequestro preventivo di una parte dell’attrezzatura. Detto servizio, attesa la specificità, è stato effettuato con la collaborazione alla Polizia Provinciale

borgo ognina 3Nel pomeriggio, nell’ambito del progetto Trinacria, unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, e dei Vigili Urbani, in via Etnea 561 si è proceduto al sequestro di un autolavaggio il cui titolare è stato indagato in stato di libertà per mancanza di autorizzazione per lo scarico dei fanghi sporchi nel sottosuolo che, come noto, sono altamente nocivi per l’ambiente e per la salute pubblica.

Sono state, altresì, denunciate 3 persone in stato di libertà per furto di energia elettrica in via Altavilla 13.

Ulteriore furto di energia elettrica è stato riscontrato all’interno del ristorante il “Borgo di Federico”, in piazza Federico di Svevia, dove il titolare aveva riposto sopra il contatore una grossa calamita. Si precisa che il controllo non è stato esteso all’attività commerciale, ma solo al contatore dell’Enel.

Infine, sono state elevate 24 sanzioni al CDS, controllati 5 soggetti sottoposti agli arresti domiciliari, 60 persone e 27 veicoli.

Lascia un commento


Translate »