Militari americani di Sigonella portano solidarietà alle periferie catanesi

Militari americani di Sigonella portano solidarietà alle periferie catanesi

SHARE

Continuano senza sosta le iniziative di solidarietà del progetto di “buon vicinato” COMREL (Community Relations) della Stazione Aeronavale della Marina USA di Sigonella.

Nel corso degli ultimi due mesi,  i militari a stelle e strisce, accompagnati dal Responsabile Relazioni Esterne  Alberto Lunetta, hanno donato un po’ del loro tempo agli abitanti dei quartieri periferici etnei di Monte Po, Librino, Fossa Creta e San Giorgio.

Il primo progetto è stato organizzato lo scorso 25 febbraio a beneficio della Parrocchia Maria Ausiliatrice e San Domenico Savio  di Fossa Creta, gestita da Don Fabio Vassallo,  da parte dei marinai appartenenti al Reparto logistica NAVSUP FLC i quali hanno trascorso la 2 3 4mattinata verniciando le ringhiere della chiesa per renderla più accogliente ai fedeli.

“Ringrazio i militari americani di Sigonella per questo momento di fraternità e volontariato che hanno offerto alla nostra comunità parrocchiale” ha dichiarato Don Vassallo.

Il secondo progetto si è svolto il 18 marzo all’Oratorio “Giovanni Paolo II”, ubicato tra San Giorgio e Librino e gestito da tre suore appartenenti alle Figlie di Maria Ausiliatrice (Salesiane) la cui missione è principalmente quella di aiutare i bambini e le donne del quartiere tramite attività di contrasto alla dispersione scolastica e offrire opportunità di apprendimento e socializzazione (corsi di cucito, sport, cucina, doposcuola, sport, danza ecc.). Le suore svolgono anche assistenza spirituale nel carcere minorile di Bicocca.

Un gruppo di circa trenta militari americani appartenenti a diversi reparti e associazioni della NAS americana ( First Class Petty Officer Association, Second Class Petty Officer Association,  Chiefs Petty Officer Association, NAVHOSP, Junior Enlisted Association)……),  ha tinteggiato le ringhiere e l’ingresso dell’oratorio. I volontari americani hanno inoltre tirato fuori delle pietre pesanti dalla campagna che serviranno a ricostruire un muro che faceva da recinto all’orto dell’oratorio.

11 12“Non conoscevo questo progetto di volontariato degli americani. Sono veramente contenta di vedere queste famiglie e giovani americani mettersi a servizio degli altri. E’ una cosa molto bella che fa loro onore”, ha detto Suor Ausilia Mendola, la responsabile della struttura religiosa.

“E’ stata un’ottima opportunità per poter unire tante associazioni e reparti di militari della base all’insegna della solidarietà. Ci fa veramente piacere poterlo fare ogni volta che se ne presenta l’occasione” ha spiegato il sottufficiale Alex Lange.

Il terzo progetto si è svolto il 25 marzo nel quartiere di Monte Po’ in collaborazione con l’Associazione I.G.A.M. impegnata da tempo nella riqualificazione del quartiere e diretta da Giuseppe Allegra che ha organizzato la ripulitura straordinaria dell’unico campetto di calcio comunale del quartiere, una struttura sportiva che versa in condizioni di abbandono ma è periodicamente manutenuto dai ragazzi del quartiere che con entusiasmo si prodigano per renderlo più bello. Anche questa volta sono “scesi in campo” una trentina di militari americani provenienti da diversi reparti e associazioni di Sigonella (Second Class Petty Officer Association, Hospital JEA, Public Works, AIMD e First Class Association) i quali hanno affiancato i ragazzi tagliando rovi ed estirpando erbacce che costituivano un pericolo per i giovani utenti del quartiere.

“Ringrazio i militari americani per l’aiuto che ci hanno dato oggi e per il canale di solidarietà e socializzazione che hanno aperto da circa un anno visitando la scuola Vittorini per un progetto linguistico culturale e partecipando al nostra festa di Carnevale” ha dichiarato Allegra alla fine del progetto.

“Sono state due esperienze bellissime di volontariato, lo dico a nome mio e di tutti i volontari intervenuti. Vogliamo dare una mano alle comunità siciliane che ospitano la nostra base, ecco perché facciamo continuamente questi progetti”, ha spiegato il sottufficiale Creadell Burns che ha anche coordinato il gruppo intervenuto durante il progetto dell’oratorio di Fossa Creta.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY