Sicurezza viale Africa interventi necessari per mettere in sicurezza l’intera zona

I consiglieri della circoscrizione “Picanello-Ognina-Barriera-Canalicchio” Alessandro Campisi e Adriana Patella chiedono all’amministrazione comunale di avviare immediatamente tutti gli interventi necessari per mettere in sicurezza l’intera zona del viale Africa. Ogni giorno,infatti, molta gente rischia di essere investita nel tentativo di attraversare la strada. Le pattuglie della polizia municipale presidiano la zona nei pressi della scuola ma, il resto della strada, resta completamente sguarnito con il risultato che qui, appena si fa buio, quasi nessuno rispetta i limiti di velocità e gli incidenti stradali sono all’ordine del giorno. Abbiamo fatto tante segnalazioni, richieste di intervento, conferenze dei servizi per chiedere maggiori controlli. Un potenziamento della vigilanza che mira ad eliminare pure il problema delle prostitute che presidiano l’area appena si fa sera. Uno spettacolo disgustoso con i clienti che si fermano in mezzo alla strada e la gente, soprattutto bambini, costretti a vedere scene di degrado inaudito. In qualità di consiglieri della II municipalità abbiamo proposto a tutti i soggetti interessati un piano di interventi continuo per rivalutare il viale Africa in tutti i suoi aspetti. Un sito fortemente commerciale che deve fare i conti pure con l’enorme bivacco rappresentato dall’ex raffineria di zolfo, a pochi passi da quella che dovrebbe diventare la nuova cittadella della legalità. Una struttura piena di ponteggi arrugginiti che accoglie una umanità disperata che vive di espedienti di ogni tipo. Persone che cucinano ancora in postazioni di fortuna con conseguente rischio incendi. Un problema, questo, già verificatosi negli anni passi con la conseguenza di mettere un intero quartiere in ginocchio.  Per tutte queste ragioni, quindi, chiediamo, ancora una volta, che il Primo Cittadino convochi una conferenza dei servizi. Il trampolino di lancio per avviare una regia che punti al riscatto totale e definitivo di questa parte di Catania.