Operazione “Mare Aperto” 54 navi nel mediterraneo

Operazione “Mare Aperto” 54 navi nel mediterraneo

14-05-2018 – Seby Bella – Mar Mediterraneo

A bordo della portaerei Cavour 

A largo del porto di Catania siamo stati imbarcati a bordo della nave ammiraglia della flotta italiana la portaerei Cavour, insieme a noi la scorta del cacciatorpediniere lanciamissili Caio Duilio.
La Marina italiana ha dimostrato grande sensibilità con la vicinanza alla popolazione di Catania con  “Operation Smile”, successivamente,  lasciati gli ormeggi e trovandoci ora in mare aperto, abbiamo potuto assistere alla prima giornata di esercitazioni in mare, facendo parte della più grande attività denominata “Mare Aperto” che vede impiegati in mare 45 navi, sommergibili aerei ed elicotteri, che hanno impegnato una forza di circa 5000 uomini e donne e diversi assetti dell’Aeronautica e della Guardia Costiera.

Il comandante in capo della squadra navale, ammiraglio di squadra Donato Marzano, ci ha spiegato cos’è l’esercitazione Mare Aperto, come si articola, quali fasi sono stabilite e quali    basate sullo “ scenario a gioco libero “ dove la minaccia è crescente e continua, questo esame a variabili indipendenti serve a poter testare, anche in presenza di osservatori Nato, la capacità di comando degli ammiragli delle unità navali e dello staff .

Le unità impegnate in addestramento hanno dovuto far fronte ad una emergenza sanitaria ( simulata) con un paziente ferito e trasportato tramite gommone da una unità più piccola alla portaerei, poichè la Cavour ha a disposizione 2 sale operatorie e tutte le attrezzature per esami e diagnosi per immagini ( TAC – Raggi X – ndr.)

La risposta è stata rapida e puntuale,  tutti i sanitari hanno celermente risolto il problema e l’esercitazione ha ripreso la sua attività “calda” .

Immediatamente dopo l’emergenza sanitaria, la nave è stata “attaccata” da 2 velivoli in codice giallo ( minaccia imminente) che poi si è trasformata in codice rosso, ovvero attacco aereo simulato, e si è assistito ad un decollo di due Harier AV8 di cui la nave dispone, i quali hanno abbattuto il “nemico” e ristabilito la situazione di allerta.

Presente a bordo di Nave Cavour anche l’Ammiraglio Ispettore Antonio Basile, Vice Comandante Generale delle Capitanerie di portoGuardia Costiera.

I “giochi” che si svolgono impegnando tante risorse e tanti uomini servono, qualora ce lo fossimo dimenticato, a rappresentare nel mondo le nostre capacità di risposta e di competizione delle nostre industrie, salvaguardare la sicurezza e la zona di confort alla quale siamo fortunatamente abituati.

Lascia un commento


Translate »