LA GUARDIA COSTIERA DI CATANIA SEQUESTRA PIU’ DI TRE TONNELLATE DI PESCE SPADA ED ALTRE SPECIE ITTICHE

LA GUARDIA COSTIERA DI CATANIA SEQUESTRA PIU’ DI TRE TONNELLATE DI PESCE SPADA ED ALTRE SPECIE ITTICHE

Un’operazione della Guardia Costiera denominata “RedOctober” è stata effettuata nell’ambito della Sicilia orientale nel corso degli ultimi giorni. In particolare, sul territorio catanese, l’attività della Capitaneria di porto, congiuntamente al personale del Dipartimento di Prevenzione Veterinario dell’Unità organizzativa Territoriale di Catania, mirata ad effettuare controlli su punti di sbarco, pescherie, automezzi ristoranti ed in mare aperto, ha consentito il sequestro  di considerevoli quantità di varie specie ittiche, in tutta la provincia Etnea.

A Catania un quantitativo  superiore alle due tonnellate di pesce spada, triglie sotto misura e tonno è stato sottoposto a sequestro. 

I controlli che sono stati effettuati in molti ristoranti cittadini e punti di sbarco hanno permesso di accertare, in più di un caso, la scarsa qualità dei prodotti somministrati agli avventori ed in alcuni casi la commercializzazione di prodotti sottomisura del tipo “trigliola”, la cui vendita è vietata.

I militari della Guardia Costiera congiuntamente al servizio veterinario, hanno anche accertato in un caso che le specie ittiche oggetto del sequestro, giudicate non idonee al consumo umano, una volta scongelate venivano servite anche crude agli ignari avventori. 

I controlli effettuati sia a terra che in mare sono stati 216 e le sanzioni per complessivi 76.308 euro sono state elevate nei confronti dei trasgressori portando al sequestro di ben 2148 kg di prodotto ittico, spesso privo di tracciabilità.

In mare le Unità Navali della Guardia Costiera hanno svolto una serie di accertamenti sul naviglio peschereccio, consentendo di accertare in tre casi che l’unità svolgeva la “battuta” di pesca in un tratto di mare ben lontano dalla costa  oltre i limiti di navigabilità della stessa unità. Sequestrati 128 attrezzi da pesca non consentiti, nello specifico, rete da posta, utilizzata da pescatori sportivi per la cattura di pesce sotto-misura ed in un caso è stato sottoposto a sanzione un soggetto che effettuava la navigazione oltre le sei miglia dalla costa senza essere in possesso della prevista patente nautica.

L’operazione complessa, eseguita e coordinata dalReparto Operativo della Guardia Costiera di Catania, rientra tra una serie di controlli ed ispezioni, condotte  sia in mare che a terra impiegando circa 40 unità e due motovedette d’altura.

I controlli, assicura la Guardia Costiera, saranno implementati e reiterati nel tempo, con il principale 

obiettivo di garantire la tutela del consumatore e scongiurare pericoli per la salute pubblica.

In mare oltre ai tradizionali compiti di soccorso ed assistenza alla navigazione, saranno ulteriormente implementati i controlli di polizia marittima, con lo scopo di scongiurare la cattura di specie ittiche sotto-misura.

L’attività sarà inoltre mirata a prevenire comportamenti illeciti da parte degli operatori della pesca nel pieno rispetto della normativa e delle regole dell’Unione Europea. 

Significativo il fatto che gran parte del pescato privo di tracciabilità, che a seguito dei controlli è stato ritenuto idoneo al consumo umano, sia stato donato in beneficienza.

Nella giornata odierna personale della Caritas diocesana di Catania si è recato presso la Capitaneria di Porto per ricevere la preziosa donazione, che assicurerà per almeno una settimana la somministrazione del pasto nelle mense gestite dalla Caritas in favore dei più indigenti.

Lascia un commento


Translate »