Attivati comandi mobili dei VV.FF. nei territori colpiti dal sisma

Attivati comandi mobili dei VV.FF. nei territori colpiti dal sisma

Proseguono le verifiche di stabilità e le attività di recupero beni su richiesta della popolazione, supportate dall’utilizzo di nuovi applicativi software che agevoleranno l’acquisizione e la gestione dei dati.

Anche per questo motivo, sono stati attivati sul territorio tre comandi mobili dei Vigili del Fuoco, dislocati come riportato sulla cartina nel report successivo.

Presso questi comandi mobili (UCL) possono essere effettuate le richieste di intervento e di verifica.

Nella giornata di ieri, i vertici del Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile, hanno visitato le aree colpite dal sisma.

Il Capo del Dipartimento, SE Prefetto Bruno Frattasi, il Capo del Corpo Nazionale VVF, ing. Fabio Dattilo, il Direttore Centrale per l’Emergenza, ing. Guido Parisi ed il Direttore Regionale, ing. Gaetano Vallefuoco, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Catania, ing. Giuseppe Verme, dopo aver sorvolato l’intera area con l’elicottero VF, hanno incontrato il personale impegnato sul campo, presso le Unità di Comando Locale.

I vertici del Dipartimento VVF, nel primo pomeriggio di ieri, hanno poi partecipato alla riunione di coordinamento presso la Prefettura di Catania ed alla successiva conferenza stampa con la presenza del Ministro dell’Interno e vice Premier, Matteo Salvini, del Ministro del Lavoro e vice Premier, Luigi di Maio, del Capo del Dipartimento della Protezione Civile nazionale, Angelo Borrelli e di SE il Prefetto di Catania, Claudio Sammartino.

Da domani funzionerà a regime anche il Comando Operativo Avanzato dei Vigili del Fuoco, realizzato presso l’area attrezzata in prossimità di Corso Italia ad Acireale (CT), dal quale verranno coordinate tutte le attività di soccorso correlate al sisma.

Le attività di soccorso ordinario continueranno ad essere garantite dal personale del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Catania.

Lascia un commento


Translate »