Prende il via a Piazza Armerina la 64° edizione del Palio dei Normanni e la 1° edizione del Mad Fest

Prende il via a Piazza Armerina la 64° edizione del Palio dei Normanni e la 1° edizione del Mad Fest

Di Monica Colaianni– Grandi novità sono previste per  la  64^ edizione del Palio dei Normanni di Piazza Armerina che quest’anno  vede al “suo fianco”  la  1°  edizione del Mad Fest . Due grandi eventi che, dal 10 al 14 agosto, attireranno tanti turisti ma anche tanti siciliani a Piazza Armerina.   “Abbiamo deciso di estendere i confini del Palio –  ha dichiarato Dino Vullo, coordinatore della manifestazione – di quella che una volta era considerata una grande festa solo per i piazzesi partendo dalla scelta della realizzazione dei costumi storici, destinati all’ “esercito” dei 600 figuranti. Saranno confezionati in esclusiva per il Palio da un’importante sartoria cinematografica italiana, la “Pierantoni shoes” che ha realizzato alcunidegli abiti della serie televisiva di fama mondiale “Il trono di spade”, “Agorà”, “Troy” e “Ben Hur”.


“Il Palio– ha dichiarato il sindaco di Piazza Armerina, Cammarata– è patrimonio culturale di tutta la Sicilia, diventato nel corso degli anni un esempio capace di coinvolgere e stupire”. “Valorizzare le grandi bellezze della nostra terra con le sue città d’arte come risorsa economica e culturale. “Piazza Armerina- sottolinea l’assessore Manlio Messina- polo turistico a livello internazionale per i suoi mosaici e la sua storia utilizza la strategia vincente del Palio dei Normanni arricchendo la grande offerta turistica di storia e cultura della nostra terra”.

Tra le tante novità di quest’anno vi sarà il concerto di Gianmarco Carroccia e Mogol e la partecipazione di Pietro Genuardi (vedi intervista video), volto noto della tv italiana che impersonerà Ruggero D’Altavilla, che gli attori Emanuele Puglia e Turi Amore, metteranno in scena facendo così rivivere al pubblico i momenti salienti della manifestazione, curata e diretta da Gisella Calì, “La storia s’intreccia con la leggenda– ha dichiarato Gisella Calì–. La tradizione con la religiosità popolare. I momenti principali come la Consegna delle Chiavi e delle Armi, possiedono già in sé una forte teatralità. La mia regia si è limitata a rendere quanto più leggibile e fruibile l’intera vicenda storica, affinché gli abitanti di Platia possano riconoscerla e i turisti, che per la prima volta approdano in città, possano comprenderla”.

 Il filo conduttore del Palio sarà la sfida tra i 4 storici quartieri di Piazza Armerina: Canali in rosso, Casalotto in verde, Castellina in blu e Monte in giallo.

Come abbiamo detto ad arricchire la manifestazione quest’anno ci sarà il “Mad Fest”, dove se ne vedranno delle belle, con  i giochi pirotecnici di Alfredo Vaccalluzzo, il concerto di Mario Incudine, la voce araba di Faisal Taher dei Kuzertu, la compagnia su trampoli dei “Folli” di Ascoli Piceno, i musicisti internazionali “Kalevala”, le note del M° liutaio Giuseppe Severini arricchiranno di luce e magia il castello Aragonese location d’eccezione di questi giorni d’arte e spettacolo che introducono il grande pubblico al Palio.

“Il MadFest è un evento – ha dichiarato Liliana Nigro (vedi intervista video) -, che vuole coniare il sogno e la realtà, la storia e la leggenda, il Medioevo con il Mediterraneo ed ancor di più la sinergia di un’integrazione sociale, etica e culturale, tra popoli, culture di etnie diverse”.

Lascia un commento


Translate »