Sí al reddito di cittadinanza ma senza lavoro non cambierà niente

Di Monica Colaianni– Il reddito di cittadinanza sa da fare…. è così è stato.
A quanto pare il “cavallo di battaglia” del movimento 5 Stelle finalmente diverrà realtà. Un modo questo per cercare di cancellare la povertà in Italia. Sí perché di poveri in Italia ce ne sono e come. Secondo i dati ISTAT nel 2017 le famiglie che vivono in povertà assoluta sono un milione e settecetosettantottomila residenti in cui vivono cinque milioni e cinquantottomila individui.
Il reddito di cittadinanza non è una novità, esiste già da tempo inmolto paesi europei e allora perché non farlo anche nel nostro Paese?
Certo un “problema “ cui deve trovare una soluzione il Governo è stabilire a chi spetta ed evitare che tali aiuti vadano ai “soliti furbi”.
Una volta superato questo grande scoglio (e non è l’unico) una volta dato il via al tanto atteso reddito c’è un altro grande problema che il Governo dovrà affrontare: quello del lavoro.
E sì perché il problema che affligge ormai da troppo tempo il nostro Paese è la mancanza di lavoro soprattutto al Sud.
Caro ministro Di Maio i giovani, ma anche i meno giovani,scappano da questo Paese perché non c’è futuro!
Una situazione atavica cui non è mai stata trovata una soluzione (o non la sí è voluta trovare?)
Lei che ha vissuto nel Meridione, penso che sappia bene le problematiche di una Terra dove spesso devi accontentarti di lavoretti mal pagati. In un Paese dove le piccole imprese, i commercianti, sono costretti a chiudere le loro attività perché non riesco a far fronte a tasse sempre più onerose, licenziando così molti lavoratori.
Dopo le elezioni è stato detto che i siciliani hanno votato i 5 Stelle per il reddito di cittadinanza.
In Sicilia c’e chi vuole il cambiamento che non è assistenzialismo, ma un cambiamento che ridia dignità, quella dignità che ci è stata tolta giorno per giorno:quando siamo costretti ad abbandonare la nostra Terra, quando ci rendiamo conto che i nostri sogni non si potranno mai realizzare, quando un padre disoccupato non sa come sostenere la propria famiglia.
“Se vogliamo che tutto rimanga com’è bisogna che tutto cambi”,disse Tancredi, nipote prediletto del principe Fabrizio Salina nel “Gattopardo”,una verità questa assoluta perché “tutto cambia esternamente così che tutto rimanga così com’é”. Già nulla è cambiato ma ora confidiamo in un vero cambiamento.

Donne che lavorano o mantenute?

ShareNon è una novità che quando ci si riunisce fra amiche si parla di tutto, si spazia dagli argomenti più futili come il vestito da indossare per un evento particolare, al trucco, al posto dove andare a trascorrere una piacevole serata, etc; a discorsi un po’ più impegnativi. Durante una piacevole serata tra amiche parlando … Leggi tuttoDonne che lavorano o mantenute?

Il Buon Natale tra ipocrisia e falsità

Share“Finalmente” Natale è alle porte, tutti siamo più buoni, ci vogliamo tutti bene, sprizziamo di gioia, siamo felici e contenti e non potrebbe essere altrimenti … perché è Natale e si sà a Natale non si può non essere felici ma soprattutto buoni e caritatevoli. Però poi finito il periodo Natalizio ecco che si ritorna … Leggi tuttoIl Buon Natale tra ipocrisia e falsità

Per non essere sempre gli ultimi non si può fare altro che dire: “Goodbye mio Bel Paese”

ShareIeri un mio amico mi ha proposto di andare a vedere “Gli ultimi saranno gli ultimi”. Tra me è ne ho pensato “solo il titolo è tutto un programma….” , così con un po’ di scetticismo e per non essere sgarbata ho accettato l’invito. Vedendo il film, però, mi sono ricreduta. Un film significativo che … Leggi tuttoPer non essere sempre gli ultimi non si può fare altro che dire: “Goodbye mio Bel Paese”

Siamo tutti francesi

ShareQuello che è successo a Parigi lascia sgomento il mondo intero,  è una dimostrazione che in qualunque momento l’Europa può essere attaccata.  “Parigi è persa: qui l’odio per gli infedeli, è sovrano e gli imam vogliono sovvertire le leggi laiche in favore della sharia”, queste le parole di Oriana Fallaci che, come una “profetessa”, aveva … Leggi tuttoSiamo tutti francesi

Quando una vita finisce troppo presto

ShareQuesto editoriale è diverso da tutti gli altri. Non parlerò di politica o dei tanti problemi che dobbiamo affrontare ogni giorno perché in questo Paese niente funziona come dovrebbe, ma voglio parlare di vita, anzi di vite spezzate troppo presto. Oggi ho assistito a una triste scena che ti fa venire la pelle d’oca e … Leggi tuttoQuando una vita finisce troppo presto

“Caro Renzi falle per te le tue riforme noi andiamo via”… I giovani italiani

ShareOggi gli insegnanti sono scesi in piazza per protestare contro la riforma di Renzi. Sicuramente è giusto cominciare ad alzare la voce contro una riforma che non piace, ma quello che ci domandiamo è se servirà a qualcosa. La nostra democrazia sembra non esistere più anzi si ha la sensazione di essere in un regime … Leggi tutto“Caro Renzi falle per te le tue riforme noi andiamo via”… I giovani italiani

Festa dei lavoratori o dei disoccupati? L’Italia un Paese alla deriva

ShareOggi 1° maggio festa del lavoro e dei lavoratori. Sicuramente in  molti si saranno chiesti cosa ci sia da festeggiare. Forse oggi è un giorno di festa solo per quei fortunati che ancora un lavoro lo hanno. E per quei tre milioni e trecentomila persone senza lavoro? E per quei padri e quelle madri di famiglia … Leggi tuttoFesta dei lavoratori o dei disoccupati? L’Italia un Paese alla deriva

Divorzio breve: amore e odio in tempi brevi

ShareProprio qualche giorno fa la Camera ha approvato il divorzio breve. Una “svolta” per mettere la parola fine al matrimonio: in 12 mesi per la separazione giudiziaria e 6 mesi per quella consensuale. Ma questa è una vera vittoria oppure non farà altro che svilire il senso di un’unione che ormai solo in pochi prendono … Leggi tuttoDivorzio breve: amore e odio in tempi brevi

25 aprile festa della Liberazione. Ma oggi siamo veramente “liberi”?

ShareOggi 25 aprile si festeggia la Liberazione. Forse quello che molti si domandano, al di là del significato storico e al di là dei colori politici, ha senso festeggiare? Cosa dovremmo festeggiare oggi in questa situazione di perenne crisi, in un Paese che ci fa sentire come degli “schiavi”, perché non siamo liberi di crearci un futuro, … Leggi tutto25 aprile festa della Liberazione. Ma oggi siamo veramente “liberi”?

Translate »