Notte difficile sulla Aquarius ***aggiornamento foto

The 629 people currently onboard Aquarius
Aquarius has received food supply from the Italian coast guards off the coast of Sicily. These supplies are essential for the long journey to Valencia, Spain.
Aquarius is currently in the process of transferring 400 persons to two Italian Navy ships, at the request of the Italian MRCC. Aquarius was instructed by Maritime Rescue Coordination Centre in Rome to sail to Valencia to disembark the remaining 229 people.
While this appears to be a quick fix to the current political standoff, this should not set a precedent for future disembarkations. Rescued people should be disembarked in the nearest safe port available.

 

 

Aquarius: Mare grosso e cambio rotta, continua il viaggio verso Valencia.

Presidente MSF: “Siamo vicini a chi si trova in mare, vite umane sopra ogni altra considerazione”

14 giugno 2018 – Continua la navigazione verso Valencia della nave Aquarius, gestita in collaborazione da Medici Senza Frontiere (MSF) e SOS Mediterranee, che al momento si trova a circa 30 miglia nautiche al largo della Sardegna con 106 persone soccorse rimaste a bordo, dopo il trasferimento di 523 persone sulle navi italiane. Le condizioni meteo sono state molto dure durante la notte, con onde fino a 4 metri e vento a 35 nodi. Il team medico di MSF ha assistito almeno 80 persone con sintomi da mal di mare, tra cui donne incinte e una neo-mamma che allattava il suo bambino. La maggior parte delle persone ha dormito nel riparo allestito all’interno della nave per proteggerle dal vento.

 

“È stata 

una notte molto dura, il mare era grosso e la maggior parte delle persone ha avuto il mal di mare. Stamattina molte di loro stanno ancora male, ma la situazione è più serena. Le persone sono nel riparo e si stanno riprendendo dalla nottata. Abbiamo distribuito arance, barrette di cereali, cornetti e thè freddo forniti ieri dalla Guardia Costiera Italiana e le condizioni del mare sono leggermente migliori” raccontaAloys Vimards, capo progetto di MSF a bordo della Aquarius.

Per evitare il mare avverso, sotto le indicazioni della Guardia Costiera Italiana (MRCC), la Aquarius ha cambiato rotta e navigherà, insieme alle navi della Guardia Costiera e della Marina italiana, lungo la costa orientale della Sardegna. A bordo ci sono 52 donne, 10 bambini e 45 uomini, tra cui persone trattate per sindrome da annegamento o con gravi ustioni da carburante e acqua salata.

Dichiara la dott.ssa Claudia Lodesani, presidente di MSF: “I nostri amici, colleghi, con 106 persone esauste e vulnerabili e tante altre sulle navi delle autorità italiane, sono da giorni in mare, stanotte con onde alte e vento forte, in una lunga e assurda traversata verso la Spagna. Nel frattempo la zona di ricerca e soccorso resta sempre più scoperta, 41 persone sopravvissute a un naufragio recuperate da una nave americana sono restate per ore in attesa che qualcuno se ne assumesse la responsabilità, 12 cadaveri sono rimasti in mare”.

“Sotto gli occhi del mondo intero, questo braccio di ferro sulla pelle delle persone mette gravemente a rischio il sistema di ricerca e soccorso, che risponde all’obbligo del diritto internazionale e marittimo di salvare vite in mare. Un sistema a cui le organizzazioni umanitarie hanno offerto il proprio aiuto, supportando la Guardia Costiera italiana nel salvare vite, per colmare il drammatico vuoto lasciato dagli Stati Europei”.

“Siamo vicini ai nostri colleghi sulla Aquarius, ai colleghi delle altre organizzazioni che sono ancora in mare nonostante gli ostacoli e le offese, e a tutte le persone disperate che rischiano la vita in mare o sono bloccate nell’inferno libico perché le politiche europee non lasciano nessuna alternativa. Con la speranza che si torni presto a parlare di canali legali e sicuri, di ricerca e soccorso in mare e di accoglienza con l’umanità che queste persone meritano, perché la tutela delle vite umane sia sempre al di sopra di ogni altra considerazione”.

MSF è scesa in mare nel maggio del 2015 per rispondere a un inaccettabile numero di morti in mare, 1200 in due settimane nell’aprile 2015, dopo la chiusura dell’operazione italiana Mare Nostrum. Da allora MSF non ha mai smesso di chiedere vie legali e sicure per le persone in fuga verso l’Europa e l’avvio di un sistema di ricerca e soccorso concordato a livello europeo. Dall’inizio delle proprie attività in mare MSF ha contribuito a salvare oltre 75.000 vite nel Mediterraneo centrale, nel rispetto del diritto marittimo e sotto il coordinamento della Guardia Costiera italiana.

L’Ispettorato per la sicurezza del volo in visita a Sigonella

Shareal 28 al 30 maggio 2018, il 41° Stormo e l’Aeroporto dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella sono stati interessati alla visita di un team dell’Ispettorato per la Sicurezza del Volo (SV) dell’AM guidato dall’Ispettore Generale di Brigata Aerea Antonio Agrusti. Contestuale la presenza a Sigonella anche dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, Generale di Brigata Aerea … Leggi tuttoL’Ispettorato per la sicurezza del volo in visita a Sigonella

Intitolata piazza al Maggiore Pilota Michelangelo Trimarchi

ShareIl giorno 26 maggio 2018, si è svolta al Altolia (Messina) la cerimonia di intitolazione della piazza principale alla memoria del concittadino Maggiore Michelangelo Trimarchi, Ufficiale Pilota dell’Aeronautica Militare (AM), scomparso il 12 novembre 1996 nel mare antistante l’Aeroporto di Trapani Birgi a seguito di un inconveniente di volo al velivolo F-104 del 18° Gruppo … Leggi tuttoIntitolata piazza al Maggiore Pilota Michelangelo Trimarchi

Un assetto con personale e velivolo P-72A si rischiera presso l’Aeroporto Sardo di Decimomannu

ShareNel periodo dal 7 al 18 maggio 2018, un assetto del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella, con personale specialista ed operatori di volo a bordo del velivolo P-72A, si è rischierato presso l’aeroporto militare di Decimomannu, in Sardegna, per prendere parte all’esercitazione interforze Joint Stars 2018 (JS18). Per il 41° Stormo la JS18 … Leggi tuttoUn assetto con personale e velivolo P-72A si rischiera presso l’Aeroporto Sardo di Decimomannu

GUARDIA DI FINANZA DI NICOLOSI: TRATTO IN SALVO ESCURSIONISTA PRECIPITATO NELLA “GROTTA DEI TRE LIVELLI” SULL’ETNA

ShareSOCCORSO ALPINO GUARDIA DI FINANZA DI NICOLOSI: TRATTO IN SALVO ESCURSIONISTA PRECIPITATO NELLA “GROTTA DEI TRE LIVELLI” SULL’ETNA. Nella mattinata odierna i militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi hanno tratto in salvo un escursionista precipitato all’interno della Grotta lavica dei ‘Tre Livelli’, quota 1600 s.l.m., nel Comune di Zafferana Etnea (CT). … Leggi tuttoGUARDIA DI FINANZA DI NICOLOSI: TRATTO IN SALVO ESCURSIONISTA PRECIPITATO NELLA “GROTTA DEI TRE LIVELLI” SULL’ETNA

Operazione “Mare Aperto” 54 navi nel mediterraneo

Share14-05-2018 – Seby Bella – Mar Mediterraneo A bordo della portaerei Cavour  A largo del porto di Catania siamo stati imbarcati a bordo della nave ammiraglia della flotta italiana la portaerei Cavour, insieme a noi la scorta del cacciatorpediniere lanciamissili Caio Duilio. La Marina italiana ha dimostrato grande sensibilità con la vicinanza alla popolazione di … Leggi tuttoOperazione “Mare Aperto” 54 navi nel mediterraneo

Operation Smile e Nave Cavour per donare sorrisi

Share Il Claim della Onlus Operation Smile è chiaro, CURARE GRATUITAMENTE BAMBINI NATI CON MALFORMAZIONI AL VOLTO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBERO POSSIBILITÀ DI ESSERE AIUTATI. SOSTIENI LE MISSIONI MEDICHE PER DONARE A QUESTI BAMBINI LA VITA E IL SORRISO CHE MERITANO  Oggi sulla portaerei Cavour, orgoglio della Marina Militare, si è presentato il progetto che vede impegnati insieme militari e … Leggi tuttoOperation Smile e Nave Cavour per donare sorrisi

Gli Avieri del 163° corso VAM a Sigonella dopo 32 anni dal congedo

Domenica 22 aprile 2018, un gruppo di Avieri del 160°, 162° e 163° corso Vigilanza dell’Aeronautica Militare (VAM), in congedo da circa 32 anni, si sono riuniti presso l’Aeroporto di Sigonella per rivivere il periodo della leva assieme al loro istruttore di un tempo.

La visita è stata fortemente voluta dall’ex Aviere VAM Michele La Pusata che ne ha coordinato tutte le attività nonostante la convivenza con una grave malattia neurodegenerativa che paralizza tutto il corpo lasciando intatta la mente, la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Alcuni miei ex commilitoni, saputo della mia condizione, hanno manifestato la volontà di venire a trovarmi, da questa situazione mi è venuta l’idea, unitamente al grandissimo desiderio, di organizzare l’incontro proprio nella base in cui a metà degli anni ‘80 ci siamo conosciuti e trascorso un’esperienza bellissima ed indimenticabile. Saremmo felicissimi di incontrarci e compiere una breve visita all’interno della Base”.

Questa la richiesta di Michele indirizzata al Comandante dell’Aeroporto e del 41° Stormo Antisom di Sigonella, Colonnello Pilota Francesco Frare che, nell’accogliere la richiesta, ha risposto dicendo di essere “orgoglioso di questo sentito avvicinamento all’Aeronautica Militare e di accoglierVi nel nostro mondo dove uomini e donne lavorano – ora e come Voi allora – con passione alla salvaguardia dei nostri cittadini”.

Durante la giornata trascorsa a Sigonella gli ospiti hanno assistito ad una illustrazione delle attività della Base Aerea. A seguire, hanno avuto la possibilità di visitare l’Aeroporto Siciliano e tornare in quei luoghi e infrastrutture conosciute anni prima durante il servizio di leva.

Michele ha ripercorso con parole toccanti alcuni ricordi della vita militare e ha tenuto a ringraziare tutto il personale dell’AM per l’accoglienza ricevuta in base – definita “magnifica” – e per la piacevole giornata potuta trascorrere con i propri “paricorso” e relative famiglie.

Durante la foto di rito, Michele indossato il vecchio “basco” tipico della categoria VAM, dimostrando ancora una volta a tutti che la malattia lo ha decisamente segnato ma non certo sconfitto.

Conclusa la Festa dell’Aeronautica Militare a Catania

Share Nel periodo dal 16 al 28 marzo 2018, si è svolto l’evento “Festa dell’Aeronautica Militare” organizzato nella galleria dell’ospitante Centro Commerciale “Porte di Catania”. Per l’Arma Azzurra è stata l’occasione per raccontarsi ed illustrare le proprie attività quotidiane con la testimonianza umana e professionale del proprio personale proveniente da Roma, da Sigonella e dagli … Leggi tuttoConclusa la Festa dell’Aeronautica Militare a Catania

Due Eurofighter hanno intercettato un velivolo francese

Share Due Eurofighter hanno intercettato un velivolo francese sui cieli della Lombardia, superando la barriera del suono Due caccia F-2000 Eurofighter dell’Aeronautica Militare, in prontezza per il servizio di sorveglianza dello spazio aereo, si sono alzati rapidamente in volo nella mattinata di oggi dalla base aerea di Istrana (TV), sede del 51° Stormo, per intercettare … Leggi tuttoDue Eurofighter hanno intercettato un velivolo francese

Translate »