Traffico illecito di rifiuti ad alto rischio infettivo, sequestrata l’Aquarius

All’esito di articolate indagini, su delega di questa Procura Distrettuale, i Finanzieri del Comando Provinciale di Catania e della Sezione Operativa Navale di Catania, unitamente al Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata (SCICO), hanno proceduto all’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo d’urgenza per un importo complessivo pari a circa 460 mila euro corrispondente al profitto accertato rispetto ai delitti contestati “attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti” (art.452 – quaterdecies del codice penale), nei confronti sia di due agenti marittimi e delle ONG “Medici senza frontiere – Operational Centre Belgium – Missione Italia”, “Medici senza frontiere – Operational Centre Amsterdam”, sia infine di appartenenti a vario titolo a tali enti.

Contestualmente sono stati notificati dalla Guardia di Finanza, unitamente al Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e della Squadra Mobile della Questura di Catania, che hanno svolto lunghe e complesse indagini con servizi tecnici anche su bersagli telematici, avvisi di conclusione delle indagini preliminari nei confronti di 24 indagati.

Il decreto di sequestro preventivo d’urgenza delle somme di denaro, che era stato disposto d’urgenza da questa Procura ed eseguito su somme in contanti rinvenute nei conti correnti di alcuni indagati incluse le due ONG, è stato convalidato dal G.I.P. di Catania, il quale ha anche disposto il sequestro preventivo della nave ONG “AQUARIUS” attualmente ormeggiata a Marsiglia in Francia, così come richiesto da questo ufficio.

I soggetti coinvolti, a vario titolo, risultano aver sistematicamente condiviso, pianificato ed eseguito un progetto delittuoso di illegale smaltimento di un ingente quantitativo di rifiuti pericolosi a rischio infettivo, sanitari e non, derivanti dalle attività di soccorso dei migranti a bordo delle navi ONG VOS PRUDENCE (da marzo 2017 a luglio 2017) e AQUARIUS (dal gennaio 2017 al maggio 2018) e conferiti in modo indifferenziato, unitamente ai rifiuti solidi urbani, in occasione di scali tecnici e sbarco di migranti nei porti di Catania, Augusta (SR), Pozzallo (RG), Trapani, Messina, Palermo nonché in altri porti italiani. In particolare dalle indagini emergeva che gli appartenenti alle ONG concordavano con gli agenti marittimi di smaltire sistematicamente rifiuti speciali sanitari pericolosi a rischio infettivo, sanitari e non, derivati dall’attività di soccorso dei migranti a bordo della nave AQUARIUS, classificandoli fraudolentemente come rifiuti speciali e conferendoli in modo indifferenziato insieme ai rifiuti solidi urbani.

Diversi soggetti indagati che qualificavano, conferivano e smaltivano fraudolentemente, in modo indifferenziato, i rifiuti derivati dall’attività di salvataggio in mare (gli indumenti contaminati indossati dagli extracomunitari, gli scarti degli alimenti somministrati agli stessi, nonché, i rifiuti sanitari infettivi utilizzati a bordo per l’assistenza medica) eludendo i rigidi trattamenti imposti dalla loro natura infettiva (in ragione della quale gli stessi andavano classificati come pericolosi, sanitari e non, ad alto rischio

infettivo). Dalle indagini emergeva la consapevolezza da parte degli indagati della pericolosità degli indumenti indossati dai migranti, in quanto fonte di trasmissione di virus o agenti patogeni contratti durante il viaggio, come emergeva tra l’altro anche dai S.A.R. Report Rescues in relazione alle condizioni sanitarie dei migranti assistiti a bordo dell’ACQUARIUS (ove si segnalano frequenti casi di scabbia, HIV, infezioni del tratto respiratorio quali tubercolosi, meningite).

L’illecita attività di smaltimento dei rifiuti pericolosi veniva accertata con riguardo a 37 sbarchi dell’AQUARIUS e 7 sbarchi della nave VOS PRUDENCE, per un quantitativo complessivo di circa 24 mila chilogrammi di rifiuti pericolosi, con il conseguimento di un indebito risparmio di costi per la ONG pari al profitto sequestrato di circa 460 mila euro.

Il compendio indiziario è stato acquisito attraverso l’effettuazione di intercettazioni telefoniche, telematiche, ambientali e video, nonché l’analisi di documentazione marittima, sanitaria e commerciale relativa ai citati sbarchi e gli scali tecnici delle navi ONG produttrici di rifiuti.

In particolare, per ogni sbarco e scalo tecnico:

– il Comandante della nave trasmette alle autorità marittime e all’agenzia marittima raccomandataria – 24 ore prima dell’approdo – un modulo di notifica con l’indicazione della categoria e dei quantitativi di rifiuti da conferire; in ragione della tipologia dei rifiuti da sbarcare, il gestore dell’impianto portuale organizza il servizio di raccolta;

– al termine delle operazioni, l’operatore ecologico consegna al Comandante o suo preposto il “buono di servizio giornaliero”, valido come ricevuta di effettiva consegna della tipologia e dei quantitativi di rifiuti dichiarati;

– la ditta portuale concessionaria del servizio di smaltimento prende in carica i rifiuti (registro di carico e scarico);

– durante il trasporto in discarica i rifiuti sono accompagnati dal formulario di identificazione rifiuti (F.I.R.).

Dalle indagini emergeva che in occasione di tutti gli sbarchi la ditta che realizzava lo smaltimento dei rifiuti e che nei porti diversi da Augusta si avvaleva di propri sub-agenti, non dichiarava la presenza di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo derivanti dagli scarti degli alimenti e dagli indumenti indossati dai migranti, seppur in presenza di numerosi e documentati casi di malattie registrate dai vari Uffici di Sanità Marittima siciliani e del Sud-Italia intervenuti al momento dell’arrivo dei migranti nei porti italiani. Infatti, nel periodo gennaio 2017 – maggio 2018 venivano rilevati n. 5.088 casi sanitari a rischio infettivo (scabbia, meningite, tubercolosi, AIDS e sifilide) su 21.326 migranti sbarcati.

L’accordo criminoso concluso tra gli appartenenti alle ONG e l’agenzia marittima consentiva da un lato alle stesse ONG di realizzare notevoli risparmi di spesa per lo smaltimento dei rifiuti pericolosi, dall’altro alla Ditta di offrire un servizio di smaltimento a prezzi concorrenziali grazie al quale triplicava il suo giro d’affari passato dai 45 mila euro del 2014 ai 140 mila euro del 2016.

Altrettanto determinante è risultato il contributo di un altra società che si è occupato a Catania, della intermediazione al ritiro dei rifiuti di bordo tra i comandanti delle navi VOS PRUDENCE e ACQUARIUS e la società cooperativa aggiudicataria del servizio di raccolta rifiuti all’interno del porto di Catania.

Al fine di riscontrare il già grave quadro indiziario, le Fiamme Gialle etnee, in data 10 maggio 2018, al termine dello sbarco di 105 migranti dall’AQUARIUS, verificavano e sottoponevano a sequestro il carico di rifiuti appena trasbordato dalla nave e trasportato da un autocarro compattatore diretto presso il deposito della società cooperativa. In tale circostanza si accertava che tra i 15 metri cubi di rifiuti dichiarati dal Comandante dell’AQUARIUS quali rifiuti alimentari e speciali indifferenziati (carta e plastica), erano presenti 2 metri cubi (80 kg) di rifiuti pericolosi a rischio infettivo consistenti in indumenti dismessi dai migranti potenzialmente contaminati da virus ed altri agenti patogeni, nonché rifiuti sanitari a rischio infettivo derivanti dall’attività di assistenza medico-sanitaria prestata a bordo ai migranti.

Arrestato presidente associazione siciliana antiracket “A.SI.A.” per estorsione

Su delega di questa Procura della Repubblica, iFinanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito un’ordinanza del G.I.P. etneo di applicazione degli arresti domiciliari nei confronti di CAMPO Salvatore (cl.1943), presidente dell’Associazione Siciliana Antiestorsione (A.SI.A.), indagato per estorsione continuata, peculato e falso ideologico.

Con il medesimo provvedimento cautelare, è stato disposto anche il sequestro preventivo di circa 37.000euro per l’appropriazione di fondi pubblici erogati all’Associazione antiracket A.SI.A dalla Regione siciliana, vincolati al perseguimento degli scopi dell’Ente stesso, distratti dall’indagato per finalitàpersonali.

L’attività investigativa delle Fiamme Gialle di Catania è scaturita da un’attività di monitoraggio delle associazioni e organizzazioni antiracket e antiusura operanti nel territorio di competenza nonché dall’esame di esposti presentati presso la locale Procura della Repubblica da associazioni operanti nel medesimo contesto assistenziale.

Le investigazioni dei militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Catania, consistite nell’effettuazione di intercettazioni telefoniche, ambientali, videoriprese, escussioni testimoniali e accertamenti bancari delegati dall’A.G. etnea, hanno consentito di delineare un quadro indiziario grave nei confronti di CAMPO, il quale costringeva vittime di fatti di criminalità organizzata, usura ed estorsione, a consegnargli somme in denaro non spettanti, in misura proporzionale ai riconoscimenti di legge (Legge n.44/1999, “disposizioni concernenti il fondo di solidarietà per le vittime delle richieste estorsive e dell’usura”).

L’Associazione Siciliana Antiracket nasce nel 2008 con lo scopo, in linea con il vigente quadro normativo,di “esercitare una costante azione di stimolo e nei confronti dell’opinione pubblica e nei confronti di tutte le Autorità costituite affinché il problema dei delitti di estorsione e di usura vengano considerati primari ed essenziali non solo per le categorie che li subiscono ma anche per l’intera comunità che direttamente da tali delitti viene gravemente danneggiata”. L’associazione non ha carattere di lucro, recita ancora lo Statuto della stessa, e l’attività è finanziata da contributi associativi, oblazioni volontarie, sovvenzioni pubbliche e l’eventuale residuo dovrà essere devoluto a favore delle imprese vittime.

Nella realtà, l’Associazione A.SI.A. è stata utilizzata da CAMPO Salvatore per l’esclusivo perseguimento di un utile economico personale, in danno sia di coloro i quali si rivolgono all’associazione per ottenere assistenza e supporto sia nei confronti dello stesso ente che viene privato delle risorse necessarie per il perseguimento dei fini propri. 

CAMPO, nell’esercizio delle attività dell’Associazione, anziché perseguire le finalità a carattere assistenziale e sociale in favore delle vittime tendeva ad assoggettarle, subordinando il sostegno dell’associazione – specificatamente nella predisposizione delle istanze di accesso ai benefici di legge  all’accoglimento delle proprie preteseeconomiche, oscillanti tra il 3% e il 5% del beneficio concesso dalla legge alla vittima del reato.

Le indebite richieste venivano avanzate sia per avviare l’iter procedurale per il riconoscimento del risarcimento che prima del riconoscimento delle somme erogate dallo Stato. Qualora l’associato/vittima non aderiva alle richieste di denaro, CAMPO assumeva atteggiamenti intimidatori finanche giungendo all’abbandono del sostegno assistenziale.Le illecite dazioni, tra l’altro sancite anche in scritture private non registrate, avvenivano in denaro contante o attraverso versamenti bancari qualificati apparentemente come contributi volontari.

L’illecita attività del presidente dell’Associazione Antiracket è stata riscontrata in tre distinti episodi:

 nel primo, un soggetto (gestore di una libreria)vittima di estorsione e usura ha rifiutato di assecondare le pretese di denaro formulate da CAMPO, il quale chiedeva la corresponsione del 3%della somma che lo stesso avrebbe percepito quale ristoro di legge, prospettando al soggetto estorto le inevitabili lungaggini burocratiche cui sarebbe incappato se non si fosse avvalso del suo intervento;
 nel secondo, CAMPO otteneva dai familiari di una vittima della criminalità organizzata – che avevano assistito all’omicidio del loro familiare  una busta contenente 1.500 euro in contanti senza i quali avrebbe di fatto interrotto la sua assistenza a favore delle vittime per il riconoscimento degli ulteriori benefici di legge spettanti;
 nel terzo caso, la vittima era un cittadino straniero (titolare di un Bar) costretto a versare a CAMPO 3.000 euro in contanti per il timore, indotto da atteggiamenti intimidatori, di non essere adeguatamente seguito nel disbrigo delle pratiche necessarie per ottenere il saldo del risarcimento spettante.

In più, va segnalato che, in una circostanza, CAMPO ha consigliato a un associato/vittima di farsi attestare da un medico compiacente una falsa patologia al fine ottenere illegittimamente un maggior ristoro dallo Stato.

La disamina degli estratti bancari ad opera dei Finanzieri del Gruppo Tutela Economia del Nucleo PEF di Catania ha evidenziato un utilizzo personale dei fondi dell’associazione da parte del CAMPO, mediante l’emissione di assegni circolari poi cambiati per cassa dallo stesso indagato o fatti confluire in conti personali o per il pagamento di spese non attinenti agli scopi dell’associazione. In altre parole, CAMPO ha utilizzato a fini personali il conto corrente intestato all’associazione, nel quale affluiscono oltre ai contributi riconosciuti dalla Regione siciliana anchecontributi volontari che dovrebbero essere vincolati al raggiungimento degli scopi statutari. Dagli accertamenti bancari eseguiti, è emersaun’appropriazione complessiva dei fondi associativi di oltre 70.000 euro. Solo una parte degli stessi (circa 37.000,00 euro) è riferibile ai fondi pubblici, per i qualiil G.I.P. ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca del profitto delittuoso.

Precipita un ultraleggero nei pressi del torrente Minissale

ShareUn aereo ultraleggero si è schiantato poco dopo il decollo dall’Aviopista Calatabiano, dell’omonimo comune. Per l’unico occupante del velivolo, una donna, non c’è stato niente da fare e tutt’ora i Vigili del Fuoco del comando provinciale di Catania sono a lavoro in un canneto poco distante la pista di volo per estrarre dalle lamiere il … Leggi tuttoPrecipita un ultraleggero nei pressi del torrente Minissale

Tre indagati e sequestrato di beni alla Fondazione IOM

ShareNella giornata di oggi Guardia di Finanza di Catania, ha eseguito un sequestro preventivo nei confronti della Fondazione Istituto Oncologico del Mediterraneo (in breve Fondazione IOM) di Viagrande (CT), per un importo complessivo di 4.210.314 euro. Due componenti del management della Fondazione sono indagati per “Malversazione a danno dello Stato”  e uno, rappresentante di una … Leggi tuttoTre indagati e sequestrato di beni alla Fondazione IOM

SOCCORSO ALPINO GUARDIA DI FINANZA DI NICOLOSI: SALVATO TURISTA NELLA RISERVA NATURALE DEL SIRACUSANO

ShareI militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi, nel tardo pomeriggio di sabato 29 luglio hanno recuperato e tratto in salvo un escursionista italiano, classe ‘86, caduto e feritosi nella zona dei laghetti siti all’interno della Riserva Naturale Orientata Cavagrande del Cassibile, in provincia di Siracusa. Il malcapitato infatti, trovandosi su un … Leggi tuttoSOCCORSO ALPINO GUARDIA DI FINANZA DI NICOLOSI: SALVATO TURISTA NELLA RISERVA NATURALE DEL SIRACUSANO

Sequestrati beni a D’Agosta affiliato a “Cosa Nostra”

ShareSu proposta di questa Procura Distrettuale, i finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito il provvedimento di sequestro di prevenzione emesso dal Tribunale di Ragusa per oltre 30 milioni di euro nei confronti di Rosario D’Agosta nato a Vittoria (RG) l’11 novembre 1953, soggetto ritenuto contiguo a “Cosa Nostra” catanese dopo un’iniziale affiliazione alla … Leggi tuttoSequestrati beni a D’Agosta affiliato a “Cosa Nostra”

GUARDIA DI FINANZA, CATANIA: TAROCCO ON LINE, SEQUESTRATI FALSI ROLEX VENDUTI SU FACEBOOK. DENUNCIATO CATANESE

Share I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno sottoposto a sequestro decine di orologi a falso marchio Rolex, nonché relativi accessori, posti in vendita sul web attraverso le pagine del social network Facebook e denunciato un responsabile. L’attività è scaturita dal monitoraggio della rete internet, sempre più utilizzata anche per traffici illeciti, … Leggi tuttoGUARDIA DI FINANZA, CATANIA: TAROCCO ON LINE, SEQUESTRATI FALSI ROLEX VENDUTI SU FACEBOOK. DENUNCIATO CATANESE

GUARDIA DI FINANZA, CATANIA: CORRIERE DELLA DROGA ARRESTATO ALLA FERMATA DEL PULLMAN

ShareI militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, nell’ambito di un servizio volto alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato un giovane che trasportava 250 grammi di marijuana alla fermata delle autolinee di Via Archimede di Catania. Le Fiamme Gialle etnee, quotidianamente impiegate in specifici controlli nelle principali piazze di spaccio, hanno intensificato le … Leggi tuttoGUARDIA DI FINANZA, CATANIA: CORRIERE DELLA DROGA ARRESTATO ALLA FERMATA DEL PULLMAN

“Operazione Icaro”: La GdF di Catania trae in arresto Pulvirenti e Rantuccio

ShareQuesta mattina gli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, in esecuzione del provvedimento emesso dal G.I.P. del Tribunale di Catania, a seguito di richiesta della Procura della Repubblica di Catania, hanno tratto in arresto Antonino PULVIRENTI e Stefano RANTUCCIO – rispettivamente Presidente e Amministratore delegato di “” – per il reato … Leggi tutto“Operazione Icaro”: La GdF di Catania trae in arresto Pulvirenti e Rantuccio

GUARDIA DI FINANZA, CATANIA: TRUFFA PER IL CONSEGUIMENTO DI CONTRIBUTI PER L’EDITORIA. SEQUESTRATI 450 MILA EURO

ShareIn data odierna i finanzieri del Comando Provinciale di Catania, coordinati dal Gruppo per i “reati contro la criminalità economica” della Procura della Repubblica etnea, hanno eseguito nei confronti della Ediservice S.r.l., società editrice del “Quotidiano di Sicilia”, il sequestro preventivo di circa 452.000 euro, disposto dal G.I.P. del locale Tribunale in relazione all’indebita percezione, … Leggi tuttoGUARDIA DI FINANZA, CATANIA: TRUFFA PER IL CONSEGUIMENTO DI CONTRIBUTI PER L’EDITORIA. SEQUESTRATI 450 MILA EURO

Translate »