Al centro Zo la presentazione della quarta stagione di prosa contemporanea di Teatro Mobile

ShareCATANIA- Teatro Mobile di Catania, nato da un’idea di Francesca Ferro, presenterà la quarta stagione di prosa contemporanea 2019/20 martedì 25 giugno, ore 11.30, a Zo Centro Culture Contemporanee. “Sarà una chiacchierata informale- dichiara il direttore artistico Francesca Ferro- con i protagonisti di questa stagione, un resoconto dei tre anni di attività e la presentazione delle tante interessanti novità di questo … Leggi tuttoAl centro Zo la presentazione della quarta stagione di prosa contemporanea di Teatro Mobile

Al via la XVIII Kermesse di moda Teatrale. Annunciati i nomi dei vincitori

CATANIA – “Da ben diciotto anni gli allievi della professoressa Liliana Nigro non smettono di regalarci nuovi successi ed emozioni”. Con queste parole Vincenzo Tromba, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Catania,  dalla sala congressi dell’Hotel Principe di Catania spiega il progetto didattico e culturale della XVIII Kermesse di Moda Teatrale che si svolgerà venerdì 28 giugno, ore 21.00, a Villa Pantò. Iniziativa organizzata da Liliana Nigro e promossa dall’Accademia di Belle Arti con il sostegno di Maison Du Cochon, il Consorzio Gonimos Servizi, Hotel Il Principe Catania, Agostino Zanti parrucchieri, Show Business Catania, Demetra Officine Fotografia, Nicotra Formazione e ObyWhan agenzia di viaggi .

In passerella nell’elegante scenografia creata da Aldo Zucco sfileranno oltre trecento abiti e costumi teatrali disegnati e creati da ben 150 allievi dell’Accademia di Belle Arti appositamente per l’elegante serata di gala coadiuvata dalla direzione tecnica degli assistenti Iolanda Manara, Stefania Giuffrida, Giulia Riga, Veronica Maugeri, Roberto Vinciguerra, Lidia Di Mauro e Piero Giuffrida.

Tema di quest’edizione, dal titolo Stelle e strisce- Gran Varietà”, la parità di genere per sensibilizzare la comunità verso chi sceglie di vivere la propria sessualità diversamente ricordando i grandi costumisti e stilisti come, fra i tanti, Luca Sabatelli, Piero Tosi e Milena Canonero, che tra lustrini e paillettes richiameranno alla memoria i fasti delle iconiche subrette come Wanda Osiris o Raffaella Carrà.  

Hanno animato la conferenza stampa, coordinata dalla giornalista Elisa GuccioneLiliana Nigro, curatrice ed ideatrice della longeva manifestazione, Vincenzo Tromba, direttore dell’Accademia di Belle Arti, Carmelo Rosario Cannavò, attore e regista,Nicola Costa, attore e regista, Gino Astorina, attore, Francesco Francois Turrisi, musicista e cantante,Angelo Vitti, stilista, Toni Agnello, membro Consorzio Gonimos, Gabriella Grasso, Teatro delle Vanità .

L’incontro è stato arricchito dalla presenza di alcune modelle che hanno indossato per l’occasione gli abiti della scorsa edizione. 

Ricevere un premio a casa propria- dichiara Nicola Costa- è sempre fonte di grande gioia ed emozione, perché un riconoscimento assegnato da un Istituzione pubblica come l’Accademia di Belle Arti di Catania fa sperare che esiste un futuro per il teatro inteso come arma di comunicazione ed educazione e non come poltrona politica da dove gestire e manovrare la cultura per i propri interessi”. Dello stesso parere Carmelo R Cannavò: “Gli sforzi economici non indifferenti di chi si occupa di promuovere cultura offrendo un buon prodotto teatrale ad un pubblico sempre più esigente da chi non riceve finanziamenti pubblici vengono premiati da gratifiche professionali ed anche personali come il premio assegnato dall’Accademia di Belle Arti di Catania”.

Parole forti e dirette che intendono premiare non solo l’impegno degli allievi della cattedra di Storia del Costume per lo Spettacolo e i giovani e talentuosi stilisti della Maison Du Cochon ma anche le tante eccellenze siciliane che si sono distinte per il loro impegno culturale.

Per la longeva e prolifica carriera sarà premiato con un’esclusiva creazione realizzata appositamente dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti l’attore Andrea Tidona indimenticabile protagonista nel ruolo del pittore comunista de “I cento passi”, il procuratore capo Giacomo Fiesole ne “Il giudice meschino” e volto di Giovanni Falcone nel “Capo dei capi”, Rocco Chinnici in “Paolo Borsellino” e “il dottor Alfredi” in “Braccialetti rossi” una vera eccellenza siciliana che con la sua arte ha dato luce e spazio alla nostra terra, protagonista indiscusso tra Teatro, Cinema e Televisione. Per aver saputo raccontare la Sicilia in maniera trasversale ed eterogenea l’intera commissione dell’Accademia di Belle Arti di Catania premia come Personaggio dell’Anno l’attore David Coco, interprete della pluripremiata serie “Il cacciatore”, protagonista di eccellenti spettacoli teatrali come “La creatura del desiderio” e prossimamente al cinema nel ruolo di Piersanti Mattarella nel film di Grimaldi dedicato all’omicidio del presidente della Regione Siciliana assassinato da Cosa nostra. A Gino Astorina e quelli del Gatto Blu con le loro battute, gag esilaranti e la voglia di non prendersi mai sul serio raccontando da ben trent’anni Catania e la “liscia” tipica dei catanesi in spettacoli divertenti ed intelligenti va il premio Teatro eSpettacolo. Per la sezione “Sviluppo Culturale” si aggiudica il premio Nicola Costa e Il Centro Studi Teatro e Legalità Accademia d’Arte drammaticarealtà teatrale tra le più innovative ed intelligenti capaci di contrastare attivamente con spettacoli di denuncia contro la mafia e il femminicidio la crisi del teatro catanese. Per la sezione Libri il premio va allo scrittore Ottavio Cappellani raffinata penna di successo apprezzata e recensita anche dal New York Times per l’ultima fatica letteraria “La Sicilia spiegata agli eschimesi”, Sem edizioni, da cui è stata tratto l’omonimo spettacolo diretto da Guglielmo Ferro. “La vera storia del bandito Giuliano” pièce in due atti sul re di Montelepre, storia ancora oggi a distanza di settant’anni avvolta nel mistero, diretta Carmelo R. Cannavò, dopo due anni di repliche applaudita da critica e da pubblico si aggiudica il premio come spettacolo dell’anno. Per la sezione musica e radio sarà premiato Francesco Francois Turrisi cavaliere del rock anni ottanta made in Catania. Lo stilista Luca Litrico firma internazionale ed acclamata dalle passerelle di New York, Londra, Tokyo, Parigi e Mosca si aggiudica il premio per la sezione Moda. A Rita Angela Carbonaro mamma di un tempio del sapere come  le biblioteche riunite Civica e Ursino Recupero va il premio alla cultura. Ad Elisa Franco apprezzata attrice e regista teatrale va il premio per la sezione Teatro. A Davide Cordova in arte Fuxia protagonista del film “Più buio di mezzanotte” del regista Sebastiano Riso applaudito a Cannes e premiato con ben sei nastri d’argento va il premio come performer. Al fashion blogger Luciano Aristide Russo esperto di moda si aggiudica la sezione comunicazione e marketing.

Diretto ed immediato l’intervento di Gino Astorina: “Chi arriva al successo facendo il lavoro dell’attore è un privilegiato e dobbiamo sempre ringraziare chi crede in noi, perché fuori di qui ci sono altri cento, forse più bravi, che non hanno avuto la nostra stessa fortuna”. 

Conclude l’incontro Liliana Nigro: “Ho sempre creduto nell’impegno e nella costanza dei miei ragazzi e lotto quotidianamente da ben diciotto anni affinché le loro creazioni e la loro arte ottengano nel mondo del lavoro il giusto spazio che meritano per un futuro dove i loro sogni possano diventare concretezza reale e tangibile”. La serata di gala del 28 giugno sarà arricchita dalla performance di burlesque interpretata dal Teatro delle Vanità, dalla collezione dello stilista romano  Angelo Vitti, mentre gli abiti da sposa della maison Amelia Casablanca concluderanno sotto un cielo di fuochi d’artificio la XVIII kermesse di moda teatrale.

I MIGRANTI OSPITI DEL PROGETTO SPRAR DI VIZZINI E CALTAGIRONE AL TEATRO GRECO DI SIRACUSA PER “ELENA”

Le rappresentazioni classiche che “invadono” annualmente lo spazio scenico del teatro greco di Siracusa, sono divenute simbolo della cultura classica e punto di incontro tra i cultori e non delle cosiddette tragedie e commedie greche.

L’idea di coinvolgere i migranti ospiti delle strutture SPRAR dei Progetti Vizzini ordinari (Comuni di Vizzini, Mineo, Grammichele, Raddusa e San Cono) e Caltagirone ordinari, gestiti dalla Cooperativa San Francesco s.c.s., nasce in seno ai corsi di alfabetizzazione italiana, proprio per coinvolgere gli ospiti delle strutture e far conoscere loro la cultura storica dei nostri territori.

Il progetto didattico ha avuto l’avvio nel corso delle lezioni di italiano all’interno delle quali è stata spiegata la cultura greca nei diversi aspetti, in seguito si è entrato in merito alle tragedie greche e nello specifico a quella che sarebbe stata vista in scena. Il fulcro e la conclusione di tale attività ha visto la presenza nella splendida cornice del teatro greco di 30 migranti, accompagnati dagli educatori e insegnanti dei progetti SPRAR, per la visione di “Elena”.

«Coinvolgere gli ospiti presenti all’interno delle nostre strutture in attività che abbiano un forte spessore culturale, è per noi sempre motivo di orgoglio, soprattutto perché attraverso progetti didattici come questo avviene lo scambio e la conoscenza di culture differenti. Il lavoro che viene portato a termine da parte degli educatori e degli inseganti di alfabetizzazione italiana all’interno degli SPRAR non si ferma quindi solo alle “regole grammaticali”, ma da spazio a prospettive nuove di crescita personale e umana» ha sottolineato Gesualdo Piazza, Presidente della Cooperativa San Francesco.

Teatro Mobile, Nuove repliche per l’applaudita pièce “Concetto al buio” diretta da Guglielmo Ferro

ShareCATANIA- A grande richiesta venerdì 10 maggio, alle ore 21.00, sul palco del Centro Zogli attori Agostino Zumbo, Giovanni Arezzo eFrancesco Maria Attardi, nell’ambito della terza stagione di Teatro Mobile di Catania, vestiranno i panni dei protagonisti dell’applaudito spettacolo “Concetto al buio”tratto dal romanzo di Rosario Palazzolo e ridotto per il teatro da Micaela Miano per la regia di Guglielmo Ferro. Una storia scomoda, che racconta la vita di … Leggi tuttoTeatro Mobile, Nuove repliche per l’applaudita pièce “Concetto al buio” diretta da Guglielmo Ferro

Al teatro Coppola una lezione d’arte e di moda dedicata a Gianni Versace

CATANIA- Un nuovo appuntamento con la moda e lo stile firmato Liliana Nigro, docente di Storia del Costume per lo Spettacolo presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, la quale giovedì 18 aprile sul palco del Teatro Coppola-Spazio Occupato, alle ore 9.00, dedicherà una lezione- dibattito su Gianni Versace, icona internazionale del made in Italy, e sull’evoluzione stilistica e sartoriale nelle passerelle degli anni 80 ad oggi attraverso la proiezione del film canadese “House of Versace”.

Animeranno l’incontro culturale, coordinato dalla giornalista Elisa Guccione, Arcangela Aiello, stilista catanese apprezzata dalla critica internazionale in particolar modo negli Stati Uniti, Carmen Accomando, modella tra gli anni 80 e 90, Vincenzo Longhitano, imprenditore del noto marchio di moda Ellevu, il fotografo Massimo Pantano e la modella Astrid Darcy, soci dell’agenzia Sicily Models, Liliana Nigro, organizzatrice dell’evento, e Vincenzo Tromba, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Catania. 

“In un luogo simbolo della cultura trasversale come il “Teatro Coppola”- dichiara Liliana Nigro– dove è facile sperimentare nuove forme di collaborazione come può essere un momento didattico di approfondimento su Gianni Versace, ucciso brutalmente il 15 luglio 1997, figurasimbolo dell’italian fashion designer, si può creare un patrimonio dell’incontro e del libero scambio delle idee per dare vita ad una formazione artistica e professionale capace di dare voce a tutte le diverse realtà sociali senza distinzione di colore”. 

Durante la manifestazione sarà presentato l’abito “L’uccello di fuoco” della stilista Vania Mazzeo per ricordare il rapporto di Versace con il teatro.

Il 13 Aprile sul palco del Must Marco Simeoli in “Napoli è na parola”

ShareCATANIA – Doppio appuntamento al Must Musco Teatro, il 13 aprile alle ore 21,00 e domenica 14 alle ore 17,30,  con lo spettacolo Napoli e’ na parola, di e con Marco Simeoli, testi realizzati in collaborazione con Claudio Pallottini, produzione Agricantus di Palermo. Marco Simeoli compirà un percorso fatto di parole per divertire, per commuovere e per far riflettere: un lungo … Leggi tuttoIl 13 Aprile sul palco del Must Marco Simeoli in “Napoli è na parola”

Al Metropolitan rivive “La vera storia del bandito Giuliano” il re di Montelepre

ShareCATANIA- È tutto pronto per lo spettacolo evento “La vera storia del bandito Giuliano”che dopo il successo del debutto dello scorso anno ritorna in scena a grande richiesta sul palco del teatro Metropolitan domenica 7 aprile, alle ore 17.30, per raccontare la vita di ’u re di li briganti la cui vicenda è strettamente legata alla storia del nostro Paese.   Uno … Leggi tuttoAl Metropolitan rivive “La vera storia del bandito Giuliano” il re di Montelepre

Sul palco del Centro Zo in scena “Pitecus” dei Leoni d’oro per il Teatro Antonio Rezza e Flavia Mastrella

ShareCATANIA- Domenica 7 aprile, in doppia replica alle ore 18 e alle ore 21, sul palco di Zo, per Altrescene – Rassegna di creazioni contemporanee e Nuove Forme – La terza stagione del Teatro Mobile di Catania, arrivano i Leoni d’Oro per il Teatro Antonio Rezza e Flavia Mastrella con il loro “Pitecus”. Un vero e proprio evento per il mondo del teatro, organizzato … Leggi tuttoSul palco del Centro Zo in scena “Pitecus” dei Leoni d’oro per il Teatro Antonio Rezza e Flavia Mastrella

Teatro Mobile di Catania, Otello un classico dal sapore contemporaneo visto con gli occhi delle donne

ShareL’applaudita terza stagione di Teatro Mobile di Catania, diretta da Francesca Ferro, continua con “Otello” un classico del teatro di William Shakespeare rivisitato in chiave contemporanea, che andrà in scena sul palco del Centro Zo sabato 30 marzo alle ore 21.00. Uno spettacolo prodotto dallo Spazio Naselli di Comiso e dal Teatro Garibaldi di Enna … Leggi tuttoTeatro Mobile di Catania, Otello un classico dal sapore contemporaneo visto con gli occhi delle donne

Cresce l’attesa per lo spettacolo “La vera storia del bandito Giuliano”con uno speciale flashmob

ShareIn attesa dell’imminente debutto di venerdì 7 aprile, alle ore 17.30, sul palco del Teatro Metropolitangli attori protagonisti de “La vera storia del bandito Giuliano”spettacolo prodotto dal Centro studi artistici di Acirealee diretto da Carmelo R. Cannavò, capitanati da Diego Cannavò nelle vesti di Salvatore Giuliano hanno a sorpresa invaso i corridoi del Parco Commerciale Le … Leggi tuttoCresce l’attesa per lo spettacolo “La vera storia del bandito Giuliano”con uno speciale flashmob

Translate »