Coronavirus, sindaco Pogliese: “Nessuna ragione di allarmismo. Azioni di precauzioni in atto, ma attività procedano regolarmente”

Il sindaco Salvo Pogliese è in stretto contatto con l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza e e i responsabili sanitari, per monitorare l’azione preventiva degli organi preposti per evitare, anche nella provincia di Catania, la diffusione del coronavirus. Nonostante il caso segnalato, il primo cittadino è stato informato che non c’è alcuna ragione di allarmismo e che si possono continuare a svolgere regolarmente le attività previste, a cominciare da quelle didattiche e istituzionali, sia al chiuso che all’aperto. Salvo Pogliese, nel confermare che le scuole rimarranno aperte e che le iniziative programmate si svolgeranno regolarmente, tuttavia, ha dato indicazioni per rafforzare gli interventi di igienizzazione negli edifici comunali e scolastici di competenza del Comune, già a partire dalle prossime ore. Ogni edificio o plesso “igienizzato” verrà segnalato con una locandina che verrà affissa nei locali oggetto degli interventi della Multiservizi e fornito di piccoli distributori per sapone liquido da utilizzare nei servizi.

Il sindaco Pogliese, nel rassicurare i cittadini tuttavia raccomanda di seguire le indicazioni del ministero della Salute. E cioè di lavare spesso le mani, evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute, coprire bocca e naso se si starnutisce o tossisce, usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si assistono persone malate,

Se si ha febbre o tosse persistenti e se si è tornati da meno di 14 giorni da luoghi nei quali si sono verificati casi di coronavirus è invece opportuno contattare il numero verde nazionale 1500.

Filcams Cgil di Catania, convegno su “Terziario, appalti e legalità: la crisi che trasforma lavoro e diritti”

“Terziario, appalti e legalità: la crisi che trasforma lavoro e diritti” è il titolo del convegno organizzato dalla Filcams Cgil e dalla Cgil di Catania, che si terrà martedì 14/1 dalle 9,30 nell’Aula Magna di Scienze politiche (via Vittorio Emanuele II 49 Catania).

L’iniziativa verterà su regole, leggi e trasformazione del lavoro da industriale a settore servizi,  con una particolare attenzione sulla difficile questione della reale trasparenza negli appalti.

I lavori saranno coordinati dal giornalista Mario Barresi; dopo i saluti del docente Giuseppe Vecchio, direttore del Dipartimento Scienze politiche e sociali, e l’introduzione del segretario generale della Filcams Cgil di Catania, Davide Foti, interverranno la segretaria provinciale della Filcams Catania, Concetta La Rosa, l’ordinario di Diritto amministrativo Fabrizio Tigano,  il segretario generale della Cgil di Catania, Giacomo Rota, il presidente della Camera di Commercio del Sud Est, Pietro Agen, la segretaria generale della Filcams Cgil Sicilia, Monja Caiolo, il presidente di Confindustria Catania, Antonello Biriaco. Conclude i lavori, la segretaria della Cgil nazionale, Maria Grazia Gabrielli. 

Nel corso del convegno interverranno le associazioni studentesche Koinè, La finestra, UDU.

CATANIA: NASCE #SÌAMOFUTURO!

Movimento studentesco desideroso di una buona amministrazione anche nelle università italiane e siciliane.

Centinaia di ragazzi e ragazze appartenenti ai dipartimenti dell’Ateneo di Catania e provenienti non solo da Catania, ma anche da Messina, Siracusa, Enna, Caltanissetta e Ragusa, hanno partecipato alla presentazione del nuovo movimento giovanile #SÌAMOFUTURO.

Durante l’evento di giorno 11 Dicembre 2019 è stata formalizzata la nascita e la costituzione.

Buonsenso, merito, diritto allo studio, vicinanza al mondo del lavoro, sedi decentrate, università, scuola, territorio e opportunità tra i temi trattati e punti principali del manifesto politico.

Ad accendere la platea è stata Beatrice Pennisi, rappresentante degli studenti del Dipartimento di Giurisprudenza, ricordando che: «i nostri dipartimenti hanno la necessità di essere rappresentati da studenti che hanno come unico obiettivo il miglioramento degli stessi.

Studenti che con passione, capacità e determinazione scendono in campo ogni giorno per risolvere problemi ed essere portavoce della comunità che rappresentano. Noi ci impegneremo sempre per il raggiungimento di questo obiettivo».

Il giudizio di Salvo Giglio, rappresentante degli studenti del Dipartimento di Economia e Impresa, sulle politiche giovanili del passato è stato lapidario e radicale: «La formula universitaria del 3+2 ha fallito – ha detto – oggi le nostre strutture devono essere capaci di formare i giovani da inserire nel mondo del lavoro».

Samuele Cultrera, membro di #SÌAMOFUTURO e studente del dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, propone di affiancare ai due obiettivi fondamentali della formazione e della ricerca con maggiore forza una terza missione. «Una modalità che possa creare un sistema di rete e collaborazione tra la formazione universitaria e l’impresa nei territori, puntando alle Succursali Provinciali Universitarie. Si potrebbe offrire un diverso piano formativo, delle nuove aree di crescita e di sviluppo, un sistema che potrebbe ridare fiato alle Università ma soprattutto al sistema sociale in generale».

A conclusione ha preso la parola Federico Scalisi, coordinatore di #SÌAMOFUTURO e già Senatore Accademico, che ha sottolineato che «trovare così tanti ragazzi è stata veramente un’emozione particolare, perché vuol dire che siamo sulla strada giusta. Siamo coraggiosi e sono pertanto orgoglioso di avere qui ragazzi e ragazze che hanno scelto di metterci la faccia e il cuore per cambiare la propria comunità e il proprio territorio. Qui nessuno ha padri e padroni siamo dei giovani che hanno a cuore il futuro della Sicilia e dei siciliani. Io ci sono e ci sarò e insieme vinceremo tante battaglie».

La Rosa, “I 27 bus dell’Amt comprati con la legge Del Rio e non con fondi regionali”

L’ex presidente dell’Amt, “Pronto a consegnare tutta la documentazione: la Regione guidata da Musumeci, fra l’altro, ha negato per tale acquisto ad Amt e a Catania il cofinanziamento integrativo del venti per cento del costo dei Bus”.
“Come avevo scritto ieri su Facebook dopo aver letto sui giornali l’annuncio della consegna, preciso che i nuovi bus dell’Amt non sono frutto né dell’impegno della Regione Siciliana, né dell’attuale Amministrazione Comunale o dell’attuale Cda di Amt, ma la richiesta di finanziamento, così come la gara per l’acquisto, sono ascrivibili unicamente al Cda di Amt da me presieduto”.
Così l’ex presidente dell’Amt avv. Puccio La Rosa, il quale ha ricordato che il suo Cda aveva prima deliberato, il 15 novembre del 2017, la partecipazione al bando, “poi depositato la richiesta entro la scadenza del 17 novembre, quindi ottenuto una correzione dello stanziamento in aumento per errori commessi dalla Regione Siciliana e, infine, aveva effettuato la gara per l’acquisto”. 
“Ritengo giusto far sapere – ha sottolineato La Rosa  – che, nonostante quanto affermato anche oggi in alcuni comunicati stampa, la Regione Siciliana non ha stanziato di suo nulla per i bus presentati oggi, ma si è limitata a utilizzare, fra l’altro in ritardo rispetto al resto d’Italia e solo dopo innumerevoli segnalazioni, i fondi messi a disposizione dallo Stato attraverso la cosiddetta Legge Del Rio. Anzi, la Regione guidata dal Presidente Musumeci, ha negato per tale acquisto ad Amt e a Catania il cofinanziamento integrativo del venti per cento del costo dei Bus”.
“Sono pronto – ha detto La Rosa – a consegnare ai rappresentanti della stampa la documentazione”
“Infine – ha concluso La Rosa – anche il luogo scelto per l’inaugurazione dei mezzi, ovvero il parcheggio R1 dell’Amt, in via Plebiscito, è stato ideato e realizzato dal mio Cda”.

Marines di Sigonella al Casella di Pedara per condividere la tradizione di Halloween

Si è svolta oggi giovedì 31 ottobre presso il Plesso Monsignor Pennisi dell’ICS Casella di Pedara un’iniziativa interculturale volta ad approfondire la conoscenza della tradizione americana di Halloween che viene regolarmente trattata dalle docenti di lingua inglese nell’ambito dello studio della cultura angloamericana. Ospiti d’eccezione ben 23 Marines, appartenenti al battaglione Special Purpose Marine Air-Ground Task Force Crisis Response-Africa 20.1 che si e’ appena insediato presso la Stazione Aeronavale della Marina USA di Sigonella (NAS). I Marines, che hanno gia’ effettuato un altro progetto presso le scuole etnee, sono stati accompagnati dal Responsabile Relazioni Esterne della NAS americana Alberto Lunetta e dal cappellano cattolico che li segue nel corso della loro missione semestrale presso la NAS americana. 

L’iniziativa, coordinata dalla docente Rita Lizzio, ha coinvolto gli alunni di tutte le classi dello stesso plesso e due classi del Plesso De Gasperi. I Marines si sono cimentati nel corso della mattinata in attività di decorazione di zucche ed hanno interagito con gli studenti in lingua inglese su argomenti relativi alla tradizione di Halloween. 

All’evento e’ intervenuto , in rappresentanza del sindaco, l’Assessore Marina Consoli che ha ringraziato i Marines per la collaborazione che e’ in linea con la continuità’ del partenariato nel campo del volontariato civico, ambientale e linguistico-culturale tra il Comune di Pedara e i volontari della NAS americana. 

“La tradizione di Halloween viene condivisa con i siciliani anche all’interno della base presso la quale vengono organizzati ben due eventi, la Festa d’Autunno e la Festa di Halloween con il tradizionale ‘dolcetto scherzetto’ che si tiene nel Villaggio dei Marinai, il complesso abitativo dove vivono famiglie dei militari USA di Sigonella, due occasioni annuali per far conoscere alle comunità dell’isola che ospita gli americani sin dal 1959 una tradizione che li fa sentire a casa”, spiega Lunetta. 

Un evento simile si e’ svolto presso la scuola del Comune di Nissoria , in provincia di Enna, dove un altro gruppo di militari americani ha trascorso una mattinata a tema Halloween insieme agli studenti.  

Catania 2.0: Lunedì marcia per chiedere di liberare V.Le Vittorio Veneto da scelte che hanno prodotto piú congestione stradale

I Consiglieri Comunali di Catania 2.0 Giuseppe Gelsomino, Francesca Ricotta e Mario Tomasello lanciano un pubblico appello ad associazioni, movimenti, commercianti e a tutta la cittadinanza ad aderire lunedì 9 Settembre, alle ore 17.30,all’incontro promosso nell’area compresa fra Viale Vittorio Veneto e Via Gabriele D’D’Annunzio (spazio antistante la Concessionaria Piaggio) per promuovere la marcia pubblica per chiedere di liberare V.le Vittorio Veneto dalla infelice scelta  di istallare una corsia protetta al centro della carreggiata stradale che da subito ha prodotto  più congestione stradale, più inquinamento e minore sicurezza per tutti i cittadini. 

Mobilità sostenibile – spiegano i tre esponenti di Catania 2.0. –  significa principalmente individuare modalità di spostamento ovvero un sistema di mobilità urbana che punti contestualmente, da una parte, alla diminuzione dell’inquinamento atmosferico, delle emissioni di gas serra, dell’inquinamento acustico, della congestione stradale e, dall’altra,  a  contrastare il degrado delle aree urbane (causato dallo spazio occupato dagli autoveicoli a scapito dei pedoni), il consumo di territorio (causato dalla realizzazione delle strade e infrastrutture) e a ridurre i costi degli spostamenti tanto a carico della comunità quanto  del singolo cittadino. 

Tale risultato, come ovvio, – aggiungono Gelsomino, Ricotta e Tomasello   si ottengono osservando e studiando il territorio di riferimento, confrontandosi con gli attori di quel territorio (residenti, commercianti, ecc.), programmando gli interventi da adottare e, soprattutto, limitando disaggi e scompensi onde evitare il vanificarsi dei risultati che si intendono ottenere. 

Tutto questo, come evidente, – proseguono i rappresentanti di Catania 2.0 a Palazzo degli Elefanti – manca nella scelta adottata dall’Amministrazione Comunale di Catania, guidata dal sindaco Pogliese, di creare, dall’oggi al domani e senza alcun confronto, una corsia protetta riservata ai bus al centro del Viale Vittorio Veneto. Una scelta i cui effetti , nonostante  le scuole chiuse e la cittadinanza in ferie, sono subito stati chiari ed evidenti ossia contestuale aumento dell’inquinamento atmosferico delle emissioni di gas serra, dell’inquinamento acustico, della congestione stradale, di degrado  urbano e di consumo di territorio. Una scelta che chiaramente non è nell’ottica di una reale e concreta azione finalizzata alla mobilità sostenibile e alla realizzazione di risultati legati a tali politiche.

Proprio per questo occorre fare sentire la voce e la presenza di tutti noi cittadini, oltre ogni appartenenza, per dire no ad un progetto sbagliato, privo di una concreta programmazione e, soprattutto, pregiudizievoli per l’intera comunità. Ecco perché invitiamo tutti i cittadini che lo ad essere presenti lunedì 9 alle ore 17.30. alla marcia per chiedere tutti insieme al sindaco Pogliese:  in V.le Vittorio Veneto smonta tutto.

Al Castello Ursino “Orfeo” inaugura “Mitoff” la rassegna dedicata al teatro classico

CATANIA- Sabato 31 agosto, ore 21.30, nell’imponente corte del Castello Ursino, il mito di “Orfeo” riletto e messo in scena dall’estro artistico di Salvatore Guglielmino dopo un’analisi attenta dei testi di Virglio, Ovidio e autori del 900 come  Cesare Pavese inaugurerà “Mitoff” la rassegna dedicata al teatro classico, inserita nel cartellone del Summer Festpatrocinata dal Comune di Catania, con la collaborazione dell’Associazione Esclarmondeper una produzione MediaManagerEvents.

Orfeo– dichiara Salvatore Guglielmino- sarà un’analisi attenta della storia del poeta e musicoinnamorato follemente della ninfa Euridice, interpretata da Martina Minissale con Alice Ferlito nel ruolo di Persefone, che non si limiterà a raccontare l’intreccio amoroso con la discesa agli inferi  che tutti conosciamo ma approfondirà attraverso le anime dei protagonisti i sentimenti d’amore e morte amalgamati perfettamente tra loro, per raccontare il presente rivedendo un passato su cui nei secoli si è basata la nostra società”.

La regia, le musiche, le liriche e l’adattamento teatrale sono curati da Salvatore Guglielmino, volto e voce di Orfeo, che in un intenso atto unico dal forte impatto emotivo confronterà le differenze tra i testi di Ovidio, di Virgilio, di Pavese e del poeta Fanocle dove la figura di Orfeo è raccontata in diversi modi in cui lo spettatore è chiamato a riflettere sull’egoismo narcisistico del protagonista, che si sente al centro dell’universo per regalare agli altri il semplice ruolo di sudditi o comparse descrivendo con occhio critico l’attuale crisi di valori, di responsabilità e di affetti che stiamo attraversando.

“La messa in scena di Orfeo- continua Guglielmino- è un occasione per riflettere sul presente e trovare qualche possibile soluzione nel domani attingendo sulla traccia millenaria dei miti”.

Domani all’Arena Corsaro per “Divine Sud Comedy” la commedia d’autore del regista Mel Stoutman con Renny Zapato

CATANIA- Venerdì 30 agosto, alle ore 20.45 ealle 22.45, in anteprima nazionale al cinema Arena Corsaro, sarà presentato il filmindipendente Divine Sud Comedy”, Elefante Film, del regista Mel Stoutman, autore anche del soggetto e della sceneggiatura. 

“Divine Sud Comedy- dichiara Mel Stoutman filmaker di stile tarantiniano– è una commedia d’autore girata in Sicilia con attori siciliani come Renny Zapato con il quale abbiamo realizzato diversi e numerosi film tanto da creare il Ficodindia Western, genere applaudito da critica e pubblico capace di realizzare ogni volta qualcosa di diverso dal precedente senza mai cadere nei luoghi comuni”.

Protagonista della storia il cantattore RennyZapato, volto nazionale di Cinema e Teatro, il quale interpreta un attore in crisi che dopo aver assunto della droga viaggia con la mente diventando una sorta di Dante siciliano che durante il cammino incontra svariati e grotteschi personaggi.  

“È un film molto divertente- continua Zapatovoce con Francois Turrisi dell’hit dell’estate 2019 “Avevo un beat”– che partendo dall’opera di Dante racconta vizi e virtù dell’uomo moderno in chiave grottesca stimolando il pubblico a riflettere sui tanti e diversi problemi che attanagliano l’animo umano”.  

Al fianco di Zapato l’attrice italo tedesca Ketty D’Agosta, protagonista di numerosi film di Mel Stoutman, Francois Turrisi, Salvo Monforte, Antonella Feliziani, Riccardo Vinciguerra e Francesco Coppa. Per la prima volta sullo schermo i Bandidos Club Mc Volcano di Catania. 

Alla prima nazionale sarà presente l’intero cast.

Gelsomino (Catania 2.0): “Smontate la corsia brt di viale Vittorio Veneto”

In una nota il consigliere Giuseppe Gelsomino chiede di rimuovere la corsia brt di viale Vittorio Veneto. Abbiamo paura, quando la mobilità a Catania sarà a pieno regime tra poche settimane ci saranno seri problemi di sicurezza. Chiedo al sindaco di fare smontare tutto da domani mattina. Catania non si può bloccare per presunzione da parte di qualcuno. Infine Gelsomino ritiene presuntuoso il ruolo dell’amministrazione e dell’azienda amt, poiché non é stato avviato nessun confronto con il consiglio ma un semplice annuncio.

Translate »