Notte difficile sulla Aquarius ***aggiornamento foto

The 629 people currently onboard Aquarius
Aquarius has received food supply from the Italian coast guards off the coast of Sicily. These supplies are essential for the long journey to Valencia, Spain.
Aquarius is currently in the process of transferring 400 persons to two Italian Navy ships, at the request of the Italian MRCC. Aquarius was instructed by Maritime Rescue Coordination Centre in Rome to sail to Valencia to disembark the remaining 229 people.
While this appears to be a quick fix to the current political standoff, this should not set a precedent for future disembarkations. Rescued people should be disembarked in the nearest safe port available.

 

 

Aquarius: Mare grosso e cambio rotta, continua il viaggio verso Valencia.

Presidente MSF: “Siamo vicini a chi si trova in mare, vite umane sopra ogni altra considerazione”

14 giugno 2018 – Continua la navigazione verso Valencia della nave Aquarius, gestita in collaborazione da Medici Senza Frontiere (MSF) e SOS Mediterranee, che al momento si trova a circa 30 miglia nautiche al largo della Sardegna con 106 persone soccorse rimaste a bordo, dopo il trasferimento di 523 persone sulle navi italiane. Le condizioni meteo sono state molto dure durante la notte, con onde fino a 4 metri e vento a 35 nodi. Il team medico di MSF ha assistito almeno 80 persone con sintomi da mal di mare, tra cui donne incinte e una neo-mamma che allattava il suo bambino. La maggior parte delle persone ha dormito nel riparo allestito all’interno della nave per proteggerle dal vento.

 

“È stata 

una notte molto dura, il mare era grosso e la maggior parte delle persone ha avuto il mal di mare. Stamattina molte di loro stanno ancora male, ma la situazione è più serena. Le persone sono nel riparo e si stanno riprendendo dalla nottata. Abbiamo distribuito arance, barrette di cereali, cornetti e thè freddo forniti ieri dalla Guardia Costiera Italiana e le condizioni del mare sono leggermente migliori” raccontaAloys Vimards, capo progetto di MSF a bordo della Aquarius.

Per evitare il mare avverso, sotto le indicazioni della Guardia Costiera Italiana (MRCC), la Aquarius ha cambiato rotta e navigherà, insieme alle navi della Guardia Costiera e della Marina italiana, lungo la costa orientale della Sardegna. A bordo ci sono 52 donne, 10 bambini e 45 uomini, tra cui persone trattate per sindrome da annegamento o con gravi ustioni da carburante e acqua salata.

Dichiara la dott.ssa Claudia Lodesani, presidente di MSF: “I nostri amici, colleghi, con 106 persone esauste e vulnerabili e tante altre sulle navi delle autorità italiane, sono da giorni in mare, stanotte con onde alte e vento forte, in una lunga e assurda traversata verso la Spagna. Nel frattempo la zona di ricerca e soccorso resta sempre più scoperta, 41 persone sopravvissute a un naufragio recuperate da una nave americana sono restate per ore in attesa che qualcuno se ne assumesse la responsabilità, 12 cadaveri sono rimasti in mare”.

“Sotto gli occhi del mondo intero, questo braccio di ferro sulla pelle delle persone mette gravemente a rischio il sistema di ricerca e soccorso, che risponde all’obbligo del diritto internazionale e marittimo di salvare vite in mare. Un sistema a cui le organizzazioni umanitarie hanno offerto il proprio aiuto, supportando la Guardia Costiera italiana nel salvare vite, per colmare il drammatico vuoto lasciato dagli Stati Europei”.

“Siamo vicini ai nostri colleghi sulla Aquarius, ai colleghi delle altre organizzazioni che sono ancora in mare nonostante gli ostacoli e le offese, e a tutte le persone disperate che rischiano la vita in mare o sono bloccate nell’inferno libico perché le politiche europee non lasciano nessuna alternativa. Con la speranza che si torni presto a parlare di canali legali e sicuri, di ricerca e soccorso in mare e di accoglienza con l’umanità che queste persone meritano, perché la tutela delle vite umane sia sempre al di sopra di ogni altra considerazione”.

MSF è scesa in mare nel maggio del 2015 per rispondere a un inaccettabile numero di morti in mare, 1200 in due settimane nell’aprile 2015, dopo la chiusura dell’operazione italiana Mare Nostrum. Da allora MSF non ha mai smesso di chiedere vie legali e sicure per le persone in fuga verso l’Europa e l’avvio di un sistema di ricerca e soccorso concordato a livello europeo. Dall’inizio delle proprie attività in mare MSF ha contribuito a salvare oltre 75.000 vite nel Mediterraneo centrale, nel rispetto del diritto marittimo e sotto il coordinamento della Guardia Costiera italiana.

Catania sud la pioggia inonda Piazza Alcalà e Via Colombo “Guarda i meloni come galleggiano”

Riceviamo e Pubblichiamo un video giunto da un nostro lettore.

La situazione si commenta da sola, nonostante la pulizia delle caditoie degli scorsi giorni, alcune zone della città sono impraticabili, la testimonianza video che ci è giunta lascia poco spazio alla fantasia.

Attualmente la situazione meteo sembra migliorata, ma permane lo stato di attenzione per chi decide di circolare in auto.

La mail per inviare le vostre foto/video webilfatto@gmail.com o whatsapp 3487611111

Da via Etenea

Catania Cambio al Vertice – Avvicendamento dei Direttori Marittimi della Sicilia Orientale

29 Maggio 2015 – Fontanarossa, la cerimonia passaggio delle consegne tra Direttori Marittimi. A cedere il comando, dopo quasi sette anni trascorsi nel capoluogo etneo, è l’Ammiraglio Ispettore Domenico DE MICHELE,
in partenza per Bari, in quanto destinato ad assumere l’incarico di Direttore Marittimo della Puglia e Capo del Compartimento Marittimo e Comandante del porto di Bari.

Leggi tuttoCatania Cambio al Vertice – Avvicendamento dei Direttori Marittimi della Sicilia Orientale

Translate »