IX CONGRESSO NAZIONALE SIUT, SOCIETA’ ITALIANA UROLOGIA TERRITORIALE

ShareCATANIA – Si svolgerà a Catania, dal 14 al 16 novembre prossimo, nell’ex Monastero dei Benedettini, piazza Dante, 30, il IX Congresso nazionale SIUT , Società italiana urologia territoriale, al quale interverranno i migliori specialisti nazionali ed alcuni relatori provenienti dall’estero. Sono circa 350 gli urologi specialisti sul territorio convenzionati con le Asp. Garantiscono, mediamente, … Leggi tuttoIX CONGRESSO NAZIONALE SIUT, SOCIETA’ ITALIANA UROLOGIA TERRITORIALE

Domani sospese le lezioni all’Università di Catania per l’allerta meteo rosso

ShareA seguito della segnalazione di allerta meteo di codice rosso diramata questo pomeriggio dalla Protezione civile, nella giornata di domani, MARTEDì 12 NOVEMBRE, sono sospese – a titolo precauzionale – tutte le lezioni previste nei dipartimenti dell’Università di Catania, incluse le sedi di Ragusa e Siracusa, e nella Scuola Superiore di Catania

Catania, Sottoscritto il Progetto “INPS per tutti” ma i sindacati vengono esclusi: “Miopia sociale che si conferma perdente e rischiosa”

Share“È dovere delle istituzioni e di un istituto chiave per il welfare come l’INPS, sperimentare  delle soluzioni a livello nazionale- come potrebbe rivelarsi il progetto “Inps per tutti” – e applicarle nei territori.  Tuttavia, a fronte della sottoscrizione odierna del nuovo progetto di integrazione sociale da parte del Comune di Catania in presenza del ministro … Leggi tuttoCatania, Sottoscritto il Progetto “INPS per tutti” ma i sindacati vengono esclusi: “Miopia sociale che si conferma perdente e rischiosa”

A Sigonella esercitazione tra equipaggi del 41° Stormo e dell’Armed Force di Malta

ShareSi è svolta a Sigonella, dal 23 al 24 ottobre, l’attività di cooperazione tra equipaggi del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare (AM) di Sigonella e delle Armed Forces of Malta (AFM), denominata “Fixed Wing Crew Knowledge activity on TTPs” e finalizzata allo scambio di competenze nel settore del pattugliamento marittimo con particolare riferimento alla ricerca e … Leggi tuttoA Sigonella esercitazione tra equipaggi del 41° Stormo e dell’Armed Force di Malta

Allerta meteo codice rosso, ordinanza del sindaco Pogliese:martedì 12 novembre scuole chiuse

ShareA seguito dell’avviso di rischio idrogeologico e idraulico diramato oggi pomeriggio dalla protezione civile regionale, con la conferma del livello di allerta rossa e fase operativa di allarme per il rischio meteo-idrogeologico e idraulico per la Sicilia orientale, il Sindaco Salvo Pogliese d’intesa con l’assessore comunale alla protezione civile Alessandro Porto, e quello alla Scuola … Leggi tuttoAllerta meteo codice rosso, ordinanza del sindaco Pogliese:martedì 12 novembre scuole chiuse

I VV.FF. INTERVENGONO PER SALVARE TURISTI IN DIFFICOLTÀ SULL’ETNA

ShareChiamata ricevuta alle ore 14 in Sala Operativa del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Catania, per località Piano Provenzana sull’Etna. Richiesta di soccorso per 2 turisti americani dispersi. Sul posto si è recata la squadra del Distaccamento dei Vigili del Fuoco volontari di Linguaglossa e l’elicottero Drago del Nucleo Elicotteri dei Vigili del … Leggi tuttoI VV.FF. INTERVENGONO PER SALVARE TURISTI IN DIFFICOLTÀ SULL’ETNA

Corinne Devin: dentista militare americana e reginetta di bellezza incontra i giovani del Rotary Catania Ovest

ShareSabato 1 novembre,  presso la sede del Rotary Catania Ovest, il Capitano di Fregata Corinne Devin, ortodontista della Marina americana in servizio presso l’Ospedale Navale della Stazione Aeronavale della Marina americana di Sigonella (NAS), ha incontrato i giovani dell’Interact e Rotaract per raccontare la sua esperienza professionale e umana. L’incontro con la dottoressa Devin, denominato … Leggi tuttoCorinne Devin: dentista militare americana e reginetta di bellezza incontra i giovani del Rotary Catania Ovest

VV.FF.: SALVATAGGIO DI TURISTI SULL’ETNA

Share. Nel pomeriggio di ieri, la Sala Operativa del Comando provinciale Vigili del Fuoco di Catania è stata allertata per la ricerca di due turisti dispersi sul versante Nord dell’Etna. I due turisti si erano inoltrati sul sentiero che conduce alla grotta di Serracozzo vicino al Rifugio Citelli, in zona Etna Nord, ma col sopraggiungere … Leggi tuttoVV.FF.: SALVATAGGIO DI TURISTI SULL’ETNA

L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA di Pirandello / NELLA MI CARNE di PIRROTTA

CATANIA – «Il desiderio di entrare dentro l’angoscia che dilania “l’uomo dal fiore in bocca” mi ha spinto ad indagare un testo del 1923 su una via contemporanea, ricercandone la modernità: la condizione dei malati terminali cui viene dato un tempo e che oggi si sono moltiplicati dagli anni di Pirandello. Lo sviluppo di questa idea condurrà ad una seconda parte, che prenderà vita dopo l’uscita di scena dell’avventore per l’arrivo del suo treno». Così Vincenzo Pirrotta, artista siciliano di fama internazionale che non ha certo bisogno di presentazioni, riassume il percorso creativo drammaturgico che, partendo dal celeberrimo atto unico del Girgentano L’uomo dal fiore in bocca, lo ha condotto a concepire e scriverne il sequel, anzi l’epilogo in sette movimenti, Nella mia carne.

Ed è motivo di soddisfazione che il dittico sia approdato sulle scene grazie alla coproduzione nata nel segno di una collaborazione internazionale tra il Teatro Stabile di Catania e Complejo Teatral de Buenos Aires, come evidenziano Carlo Saggio, presidente dello Stabile etneo, la vicepresidente Lina Scalisi e il direttore Laura Sicignano. Il risultato è uno spettacolo enigmatico e intenso, che ha di recente debuttato nel teatro argentino e sarà rappresentato dal 5 al 17 novembre al Verga; in primavera la tournée nazionale.

Vincenzo Pirrotta firma anche regia e scene, mentre i costumi sono di Riccardo Cappello. Pirrotta riveste altresì il ruolo del protagonista. Ad affiancarlo in scena è Giuseppe Sangiorgi, attore siciliano di teatro con importanti esperienze cinematografiche (Nuovomondo di Crialese a La mafia uccide solo d’estate di Pif, per non citarne che alcune) e televisive. Affidate al talento di Luca Mauceri, le musiche originali diventano parte integrante della messinscena. Gaetano La Mela cura le luci, Luigi Leone l’audio.

In concomitanza delle rappresentazioni, il foyer del Verga ospiterà la mostra “I Pirandello. La famiglia e l’epoca per immagini” a cura di Sarah Zappulla Muscarà ed Enzo Zappulla. La mostra e il relativo catalogo (La nave di Teseo, 630 foto) narrano, attraverso una straordinaria, completa, rara o, in gran parte, inedita raccolta di foto, la parabola esistenziale e artistica del grande agrigentino. E non solo. Un “romanzo iconografico”, sul filo della memoria, la storia di una delle più complesse e tormentate famiglie che ha ricoperto un ruolo di primo piano nella cultura internazionale fra Otto e Novecento, in cui le vicende private s’intrecciano con quelle di un’epoca che vive eccezionali fermenti innovativi.

Sottolinea il presidente del TSC Carlo Saggio: «Questo confronto tra Vincenzo Pirrotta, lo Stabile catanese e l’opera pirandelliana sancisce anche la collaborazione con uno dei più importanti teatri argentini, Complejo Teatral de Buenos Aires, che collabora alla produzione dello spettacolo. È questo un primo prestigioso passo verso la ricollocazione del TSC nel panorama internazionale.»

«Il Pirandello di Pirrotta – osserva la vicepresidente Lina Scalisi – è una straordinaria prova d’attore e, al tempo, un confronto serrato con uno dei testi più celebrati dalla drammaturgia internazionale. Lo Stabile continua così il suo lavoro di messa in scena dei grandi Autori di una Sicilia che è sempre stata al centro della scena culturale del tempo, capace di coinvolgere e di emozionare il pubblico coniugando tradizione e innovazione.»

Come dichiara il direttore Laura Sicignano: «Vincenzo Pirrotta, indiscutibile artista siciliano, eclettico, potente, innovatore, ma a suo agio anche tra i classici, eccellente a teatro e al cinema, interpreta un capolavoro difficile e lo reinterpreta nella drammaturgia. È questa un’ulteriore e prestigiosa tappa del percorso comune dello Stabile di Catania con Vincenzo Pirrotta, cui vorremmo ne seguissero altre.»

Pirrotta indaga dunque la modernità della pièce pirandelliana e apre, nella riscrittura drammaturgica, sette finestre su sette vite inventate: proprio quelle che l’uomo dal fiore in bocca avrebbe voluto vivere. L’artista racconta tutta la frenesia e l’angoscia di quell’uomo che si aggrappa alla banalità del quotidiano per cercare di rintracciare una superiorità della vita sulla morte. Su una scena buia, in una anonima stazione della provincia siciliana, il protagonista dialoga con l’avventore, interpretato da Giuseppe Sangiorgi, mentre incombe sui due una luce viola che si abbassa lentamente, fino a rivelare la sua forma: è un fiore, dal nome dolcissimo eppure terribile: epitelioma.

«Dopo una pausa di silenzio e sospensione, – scrive ancora Pirrotta nelle note allo spettacolo – la scenografia, costituita da pareti mobili di lastre di raggi X, si stringerà attorno all’uomo dal fiore in bocca in un movimento continuo e lento, ponendolo in una condizione sempre più claustrofobica. Da questo momento racconterà i suoi ultimi sette giorni. Tra un giorno e l’altro, tra una vita e l’altra, mostrerà sempre più l’avanzare della malattia e il suo consumarsi.»

L’Aeronautica Militare ha preso parte al 50ennale della fondazione dell’Istituto Aeronautico Ferrarin di Catania

Nelle giornate dal 24 al 27 ottobre 2019, l’Aeronautica Militare (AM) ha partecipato alla “X mostra aeronautica” organizzata dall’Istituto Tecnico Aeronautico Statale “A.Ferrarin” di Catania in occasione del cinquantennale della propria fondazione.

Oltre ad un momento di incontro tra il mondo dell’aeronautica e gli studenti di tutto il comprensorio Catanese, la mostra è stata una colorata manifestazione aperta al pubblico.

L’esposizione è stata allestita all’interno dei locali del parco commerciale “Centro Sicilia” di Misterbianco che nei 4 giorni dell’evento ha visto la presenza di 70 mila visitatori.

All’evento hanno aderito Forze Armate e Corpi dello Stato, Enti ed associazioni varie tutti legati al mondo del volo (aeromodellismo, volo da diporto sportivo e a motore, paracadutismo, parapendio, mongolfiere, plastimodellismo, volo virtuale).

L’AM era presente con uomini e donne provenienti da Sigonella, dall’omonimo Aeroporto, dal 41° Stormo, dall’11° Reparto Manutenzione Velivoli, dal 61° Gruppo Volo Predator.

Intorno allo stand espositivo AM allestito per l’occasione, per la Forza Armata è stata una preziosa opportunità per fare conoscere le proprie attività operative – comprese quelle di tutti militari svolte in Patria e all’estero – e per stare tra i cittadini in un contesto dove appassionati del volo di tutte le età, studenti e semplici curiosi hanno mostrato particolare interesse.

La partecipazione all’evento è stata un rilevante momento di promozione dei valori dell’Aeronautica Militare, della sua immagine e del ruolo che ricopre per contribuire alla sicurezza del Paese e dei cittadini, con l’impegno quotidiano 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno.

 

Il Comando Aeroporto AM di Sigonella ha il compito di fornire il supporto agli Enti e Reparti rischierati ed in transito sull’omonima Base Aerea, assicurando senza soluzione di continuità i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata “Catania”, che comprende i cieli della Sicilia orientale e mari adiacenti, ivi compresi l’Aeroporto Militare di Sigonella e quelli civili di Catania-Fontanarossa e di Comiso (RG).

Il 41° Stormo Antisom, dislocato sull’Aeroporto di Sigonella con i nuovi velivoli da pattugliamento marittimo P-72A, garantisce la propria missione primaria di sorveglianza marittima, il contrasto ai traffici illeciti e al terrorismo internazionale e il contributo ad operazioni per la salvaguardia della vita umana in mare, nonché protezione delle principali vie di traffico marittimo nei quadranti meridionali del mediterraneo. Peculiarità unica degli equipaggi del 41° Stormo quella di essere formati da piloti ed operatori di volo della Marina e dell’Aeronautica che operano in sintonia e in piena sinergia dal 1957, in netto anticipo rispetto all’attuale impulso joint dello strumento militare.

L’11° Reparto Manutenzione Velivoli, dislocato sull’Aeroporto di Sigonella, è stato costituito nel 1972 al fine di gestire la manutenzione della flotta di velivoli Atlantic. Divenuto Ente autonomo nel 1998, dal novembre 2016 ha coordinato l’entrata in servizio del velivolo P-72A e da giugno 2018, dopo una profonda e radicale riorganizzazione e ristrutturazione della sua componente organica e dei compiti ad esso assegnati, è divenuto il Reparto Manutenzione Velivoli responsabile della gestione tecnico-logistica delle flotte trasporti e di supporto dell’AM, in particolare per la gestione dei velivoli P-72A e C-130J (in dotazione alla 46ª Brigata Aerea di Pisa).

Il 61° Gruppo Volo APR, ricostituito nel 2017 sull’Aeroporto di Sigonella, è un’unità operativa dell’AM dotata di velivoli a pilotaggio remoto MQ1-C (Predator “A+”) con il fine di consolidare e rafforzare la presenza e l’attività di sorveglianza dei velivoli APR nell’ambito del concorso al dispositivo di sicurezza nazionale, specialmente per quanto riguarda il Mediterraneo. Le peculiari e consolidate capacità ISTAR (Intelligence, Surveillance Target Acquisition e Reconnaissance) del sistema d’arma Predator lo rendono uno degli assetti dell’AM più ricercati in operazioni a favore della Collettività, nondimeno in attività di sorveglianza per la tutela ambientale.

Translate »